Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
Londra
 

La morte di Gloria e Marco e quelle ultime telefonate

17/06/2017  «Grazie mamma per tutto quello che hai fatto per me»: le ultime parole di Gloria Trevisan e Marco Gottardi, i due fidanzati veneti morti nel rogo della Grenfell Tower, hanno commosso l'Italia. Cosa ci dicono quelle telefonate?

Grazie mamma per tutto quello che hai fatto per me”. E ancora “Mamma, papà,  sto per andare in cielo. Vi aiuterò da lassù”. Sono le ultime, toccanti parole pronunciate al cellulare ai genitori da Gloria Trevisan, l’architetto ventiseienne di Camposampiero (Padova), perita nel rogo della Grenfell Tower di Londra, assieme al fidanzato, Marco Gottardi, ventisettenne, di San Stino di Livenza Venezia), anch’egli architetto. Le esigue speranze di poter ritrovare in vita la coppia veneta, che solo da tre mesi s’era trasferita nella capitale inglese e risiedeva al 23° piano del grattacielo, si sono spente stanotte col comunicato ufficiale delle autorità inglesi che hanno trasferito i loro nomi dalla lista“dispersi”  a quella delle “vittime”.    

Gloria s’era laureata il 18 ottobre scorso col massimo dei voti e dopo alcuni lavoretti saltuari e mal retribuiti in Veneto, aveva deciso di lasciare l’Italia col fidanzato e di trasferirsi nella City, dove avevano subito trovato lavoro come architetti e due buoni stipendi.  Avrebbero dovuto fare ritorno a casa il 26 giugno per festeggiare il compleanno di Marco, assieme  ad amici e parenti. Due giovani preparati, brillanti, con le tasche piene di speranza nel futuro, che, come tanti altri connazionali, avevano trovato nella capitale del Regno Unito il luogo ideale per mettere a frutto una laurea e avviare con soddisfazione l’amata professione.

Già nei giorni scorsi il contenuto e le frasi delle drammatiche telefonate erano state rese note dall’avvocato Maria Cristina Sandrin, legale della famiglia Trevisan. Di tono simile le parole delle ultime conversazioni tra Marco e i suoi genitori, prima che  saltassero le linee: il giovane manifestava il grande affetto per la famiglia e tentava di tranquillizzare i genitori.  E dello stesso tenore saranno stati i dialoghi intercorsi, via telefono, tra tanti altri condomini di  quel dannato grattacielo e i loro familiari, perché, purtroppo, le fiamme  e il fumo di un rogo ti danno anche il tempo per capire che il tuo destino è segnato e, se ne hai il coraggio, per guardare dritta in faccia la morte. Tornano subito alla memoria gli strazianti messaggi audio e gli sms scritti dalle vittime dell’attentato alle Torri gemelle di 16 anni fa. 

Forse siamo così assuefatti da tante, troppe fiction strappalacrime, dalle emozioni forti preconfezionate e serviteci dai palinsesti televisivi, che non abbiamo fatto magari attenzione al contenuto di quei brani telefonici, di quelle ultime frasi pronunciate  da Marco e Gloria, assediati dal fuoco.

Sono un documento straziante, ma nel contempo anche tenerissimo per l’affetto riconoscente che esprimono.  Sono le parole vere di una figlia che non ha mai smesso d’amare i suoi genitori, che trova il modo, il coraggio di dire   quanto magari non avrebbe mai detto in condizioni di normalità, perché dato per scontato, sottinteso. Dicono certo quello che un genitore  non avrebbe mai voluto sentire, né vivere: sono l’addio drammatico di chi hai messo mondo che sa di avere ancora pochissimo tempo davanti a sè, prima che il fumo ne soffochi la voce e le fiamme ne consumino le membra. Ma, allo stesso tempo, è quanto ogni genitore vorrebbe pensasse di lui un figlio. Certo, ancora una volta la “morte in diretta” ha fatto mostruoso strame della privacy, del momento più sacro e più intimo di una vita, replicando infinite volte e per infiniti “guardoni” ciò che avrebbe dovuto rimanere gelosamente protetto nell’intimo rapporto tra padri, madri e figli. Ma come la visione di una tragedia nella Grecia antica purificava i sentimenti di chi assisteva al dramma in scena, così queste estreme comunicazioni, grondanti riconoscenza e devozione filiale, accarezzano pietosamente i volti in pianto, leniscono i cuori straziati dal dolore di quei genitori, e commuovono chiunque le abbia sentite. La chiamano “catarsi” tragica: è la scoperta del senso della vita di fronte all’apparente assurdità delle vicende umane.    

Mercoledì scorso, più alto ancora delle fiamme sprigionatesi dalla Grenfell Tower di North Kensington, s’è alzato il messaggio d’amore filiale di Gloria e Giorgio.      

I vostri commenti
22

Stai visualizzando  dei 22 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo