Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
#migliorisipuò
 

La musica ci salverà dalla violenza

30/10/2014  La testimonianza di Amedeo Minghi per la campagna #migliorisipuò. «La musica non tiene conto del colore della pelle dell’artista, è un linguaggio universale, che avvicina tutti».

«Da musicista la mia adesione a questa campagna è quasi naturale». Amedeo Minghi è uno dei cantautori italiani di successo più conosciuti e amati all’estero. Nella sua lunga carriera ha pubblicato 30 album. Ha cantato davanti a Giovanni Paolo II una delle canzoni che hanno fatto il giro del mondo: Un uomo venuto da lontano, accompagnata da un video che racconta la vita straordinaria di papa Wojtyla. Le parole della quotidianità a volte sono pietre. Feriscono, emarginano, uccidono. «Ma il linguaggio della musica è diverso», spiega il maestro.
«Nel secolo scorso le opere più belle in assoluto le hanno realizzate i neri: Duke Ellington, ad esempio, o l’immortale Stand by me di Ben E. King. La musica non tiene conto del colore della pelle o di determinate caratteristiche fisiche, ciò che conta è l’opera dell’artista». Minghi ricorda una tappa della sua carriera di cui va particolarmente orgoglioso: marzo 2009, Terra Santa. Nella basilica di Nazaret un artista arabo-palestinese e uno israeliano cantano insieme in occasione dell’Anno Paolino. «La musica compie spesso miracoli come questo», dice.

Dapoco è uscito Suoni tra ieri e domani, il suo nuovo album che raccoglie dieci rivisitazioni di brani del suo repertorio con la collaborazione della pianista Cinzia Gangarella.
È un bilancio della sua carriera? «Ma no», ride il maestro, «gli artisti non fanno bilanci, vanno avanti finché hanno energia e progetti. E io ne ho ancora tanti ». Dopo l’America, il tour di Minghi arriva in Italia: tappe il 29 novembre a Bologna, il 21 dicembre a Torino e il 22 a Milano. «Ci sarà da divertirci», promette.

#migliorisipuò | Anche le parole possono uccidere


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo