Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
Miglior film
 

La nostra recensione del film "Everything Everywhere All At Once" che ha vinto sette Oscar

16/03/2023  Protagonista una famiglia cinese che vive negli Stati Uniti e si trova catapultata nel multiverso

Non capitava dal 2009, da The Millionaire di Danny Boyle. Everything Everywhere All At Once ha vinto sette statuette, tra le quali film e regia, all’ultima cerimonia degli Oscar. Le meritava? Forse no. The Fabelmans di Steven Spielberg è il capolavoro dell’anno. Ma non bisogna scandalizzarsi. Stanley Kubrick nella sua carriera si è aggiudicato una sola vittoria: gli effetti speciali di 2001: Odissea nello spazio. I tappeti rossi che si dipingono di champagne, per fortuna si dimenticano presto. 
In ogni caso Everything Everywhere All At Once diretto dai Daniels (Daniel Kwan, Daniel Scheinert) è forse davvero il film definitivo sul multiverso. Le realtà parallele si intersecano, i mondi si mescolano, in un vortice di azione e ironia. Le storie sui supereroi qui sviluppano una vena più profonda, cinefila. Si sentono gli echi della cultura orientale, le arti marziali dilagano, si strizza l’occhio anche a classici come In The Mood For Love di Wong Kar-wai. 
La protagonista è cinese, ma ormai vive con la sua famiglia negli Stati Uniti. Rischia di perdere tutto: è in crisi col marito, la lavanderia potrebbe chiudere. In più lo scontro generazionale con la figlia è selvaggio. Come risolvere la situazione? Il multiverso, la frammentazione, scomporre il presente per cercare soluzioni nuove e sfaccettate. 
Il giro in giostra è selvaggio, colorato, a tratti simile a un videoclip. La struttura è moderna, guarda alle nuove generazioni, agli amanti dei fumetti, ma anche ai cinefili. È un cinema diverso, di frattura, ipertrofico, anche eccessivamente pieno di sé. Ma di indubbio fascino. Alcune sequenze, come il dialogo tra le due pietre, sono decisamente riuscite. I toni romantici si fondono con i combattimenti senza requie, gli affetti sono sotto assedio. È un’avventura a tratti oltre il limite, ma comunque libera, ispirata e sempre pronta a regalare nuove emozioni. I produttori indipendenti hanno trovato un esempio a cui ispirarsi. 
 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo