Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
dossier
 

La pace unica strada dell'umanità ferita

20/09/2016  I cristiani pregano insieme nella Basilica inferiore. Le meditazioni di papa Francesco, del Patriarca Bartolomeo e del primate anglicano Welby. L'elenco drammatico dei luoghi dove c'è guerra, violenza e tensione. La preghiera per padre Paolo Dall'Oglio.

Pregano per la pace nella Basilica inferiore di San Francesco i cristiani di tutte le denominazioni, accanto alla tomba di San Francesco, “amico dei poveri”, dice il Papa all’inizio dell’invocazione “per dissipare le tenebre del male del terrorismo e della violenza”. Le altre religioni pregano nello stesso momento in altri luoghi di Assisi. E’ una preghiera corale che sale al cielo dalla città della pace a trent’anni dalla intuizione profetica di Karol Wojtyla. E’ lo Spirito di Assisi che ancora si mette in moto e non  sarà l’ultima volta. Bergoglio è seduto tra il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo e il primate anglicano Welby. Parla per primo l’anglicano e denuncia le economie fondate sulla sabbia, che fanno correre gli uomini “dietro ad illusioni”, che alimentano paure anche dello “straniero”, che portano al “risentimento e alla rabbia”. Poi tocca a Bartolomeo proporre una meditazione nella quale spiega che oggi ai cristiani tocca una “testimonianza di comunione” cioè di amore e di pace, anche fino al martirio, come nei primi secoli della Chiesa e come ancora oggi accade “in troppe aree del mondo e soprattutto in Medio Oriente”. Papa Francesco riflette sulle parole di Gesù sulla croce: “Ho sete”. E spiega che oggi in queste parole “possiamo sentire la voce dei sofferenti, il grido nascosto dei piccoli innocenti, cui è preclusa la luce di questo mondo, l’accorata supplica dei poveri e dei più bisognosi di pace”. Poi per essere più chiaro elenca coloro che implorano la pace: “Le vittime delle guerre, che inquinano i popoli di odio e la terra di armi”; “i nostri fratelli e sorelle che vivono sotto la minaccia dei bombardamenti o sono costretti a lasciare casa e migrare  verso l’ignoto, spogliati di ogni cosa”. Tutti sono, aggiunge il Papa, “fratelli e sorelle del Crocefisso, piccoli del suo Regno”. Loro “hanno sete”, ma spesso, come a Gesù, viene offerto “l’aceto amaro del rifiuto”. Nessuno li ascolta, nessuno si preoccupa di rispondere a loro: “Essi incontrano troppe volte il silenzio assordante dell’indifferenza, l’egoismo di chi è infastidito, la freddezza di chi spegne il loro grido di aiuto con la facilità con cui si cambia un canale in televisione”. Invece è sulla croce, che il Papa chiama “albero della vita” che “il male è stato trasformato in bene” e i cristiani sono chiamati oggi ad essere loro stessi “alberi della vita”, cioè persone che “assorbono l’inquinamento dell’indifferenza e restituiscono al mondo l’ossigeno dell’amore”. Poi si prega per tutti i luoghi dove c’è guerra, violenza, tensioni. Dall’Afghanistan al Messico, dove ieri sono stati uccisi altri due sacerdoti vittime della violenza del narcotraffico, dal Gabon al Burundi a tanti Paesi africani, fino alla riconciliazione tra le due Coree. Naturalmente c’è la preghiera per la Siria e l’Iraq, per lo Yemen per la Terra Santa. E per l’Ucraina. E’ un lungo drammatico elenco. Si ricordano le vittime innocenti, gli anziani e i bambini, i prigionieri, tra cui i vescovi rapiti in Siria e per padre Paolo dall’Oglio, il gesuita scomparso in Siria tre anni fa e di cui non si hanno più notizie.

Multimedia
Il Papa ad Assisi: le immagini più belle dell'incontro di preghiera per la pace
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo