Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 luglio 2024
 
Il teologo
 

La parabola degli invitati che scelgono posti migliori

15/10/2020  Solo una storia che insegna la "buona educazione" o c'è di più? La risposta del Teologo

MARCO G. - La parabola degli invitati alle nozze (Lc 14,7–14) con l’invito a non scegliersi i posti migliori sembra un’indicazione su come comportarsi educatamente; è così, oppure c’è anche qualcos’altro?»

È vero che a una prima lettura quel testo sembrerebbe proporre semplicemente delle regole del bon ton in società: quando si è invitati a un banchetto non sta bene piazzarsi nel posto d’onore (così gli scribi in Lc 20,46), anche perché si rischia di fare brutta figura nel dover poi cedere quella posizione a qualcuno più importante. Già questo sarebbe un buon insegnamento, ma rientrerebbe tutto sommato nella virtù umana della modestia. Subito dopo invece Gesù aggiunge qualcosa che va oltre il semplice galateo: infatti chiede di mettersi all’ultimo posto – certamente non per coltivare una falsa modestia (che sarebbe in fondo peggiore della palese presunzione) – per fare la sua stessa scelta di mettersi accanto a chi è ai margini, dalla parte di chi non conta, e poi chiede ai suoi di fare altrettanto: «Quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; sarai beato perché non hanno da ricambiarti».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo