logo san paolo
lunedì 27 giugno 2022
 
In televisione
 

La parola ai giovani nel programma Generazione Z di Rai 2

05/04/2022  Il martedì in terza serata Monica Setta dialoga sul mondo giovanile. Una sfida per la televisione che troppo poco spesso dà spazio ai ragazzi

Partiti al sabato pomeriggio e spostato in terza serata su Rai 2 al martedì, Generazione Z è un programma ideato e condotto da Monica Setta dedicato ai giovani. Un pubblico difficile da intercettare per le televisioni generaliste, e che gravita soprattutto sui social, ma che merita un’attenzione particolare. Monica Setta poi vanta una lunga esperienza a Rai Gulp, ha una figlia di 24 anni, e ci tiene in modo speciale a indagare il loro mondo così variegato e pieno di sfumature. «Il nostro obiettivo è quello di recuperare il pubblico attraverso Rai play e l’interazione con i social», spiega la giornalista. «Inizialmente era pensato per far dialogare i giovani in studio con il mondo della politica, e avevamo già invitato diversi ministri. Ma poi la par condicio imposta alle tv in vista delle elezioni del 12 giugno hanno reso necessaria una riformulazione del programma. Di buono c’è che l’allentamento delle regole anti-covid ci permettono di aver un nutrito gruppo di giovani in studio, personaggi noti, come per esempio i protagonisti della serie Il collegio e di Jams (Rai Gulp) ma anche ragazzi comuni come un giovane imprenditore che ha inventato un app, una ragazza alfiere della Repubblica, il presidente dei giovani industriali. Grazie alla presenza di due ospiti “vip” il pubblico in studio potrà dialogare su diversi temi, come la bellezza, i disturbi alimentari, la ricerca del lavoro». 
Nella prossima puntata che va in onda martedì 12 aprile, gli ospiti saranno il cantante Leo Gassmann e la ballerina Anastasia Kuzmina e uno degli interrogativi sarà: Bisogna essere raccomandati per trovare lavoro?

Monica Setta, impegnata a che Uno mattina in famiglia, e nel programma Il sorpasso su Isoradio, dichiara: «Non è facile parlare di giovani, un tema incandescente, e soprattutto agganciarli in tv, ma a me piacciono le sfide e ci vogliamo provare con il sostegno dell’amministratore delegato rai Carlo Fuortes e del direttore di rete Paolo Corsini che mi hanno incoraggiato e supportato».
 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo