Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
 

«Se non sballo, non ballo e non mi diverto»

13/02/2014  Il corpo e i giovani tra amore, relazione e sessualità. Ne parliamo con loro, adolescenti, che in prima persona vivono le esperienze e si confrontano con gli altri coetanei.

Paolo (nome di finzione, ndr) ha 16 anni e, come tanti, usa i social network. Un giorno si iscrive su Badoo, per gioco. «Sì, così, per fare lo scemo e ho trovato Lara» ci racconta. «La prima foto, nella sua pagina, ritraeva lei tutta nuda. Le ho chiesto il numero e me l'ha dato. Quando l’ho chiamata le ho detto: "ti posso fare una domanda? Ma quanti anni hai? Sincera, tanto a me non cambia nulla". E lei: "14 anni". "Ma perché posti le foto nuda?"; "così, non lo so ma devo assolutamente scrivere un’età diversa perché sennò non mi contatta nessuno". Lui, come tanti ragazzi della sua età, la sera ama divertirsi. Così si organizza con il gruppo di amici, si dà appuntamento da una parte ma la serata, spesso e soprattutto, finisce in discoteca. «Una sera ho conosciuto una ragazza che pur di uscire era disposta a fare sesso così da racimolare i soldi per entrare in un locale. So di qualcuno che é arrivato persino a rubare per fumare, per sballare e divertirsi perché "se non sballo non ballo e non mi diverto"».


Come interpreti tu questi comportamenti?

«Alla base di tutto, secondo me, c'e la volontà di farsi notare, di apparire. Di essere speciale e migliore in qualcosa. Inizi con la prima canna per stare in mezzo agli amici, che poi diventa una dipendenza, ma all'inizio é per far vedere agli altri chi sei. Poi ci sono quelli che bevono ma non sono ubriachi; eppure, così, si autorizzano a fare cose che diversamente non farebbero. Un amico, un sera, ha conosciuto una ragazza e, dopo poco, hanno consumato un rapporto completo in bagno. Perché si fa sesso così? Per divertimento, per provare emozioni. Per i ragazzi, poi, è un bisogno fisico, l’occasione per vantarsi con gli altri».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo