Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 12 giugno 2024
 
La fede e la speranza in Tv
 

La Pasqua di rinascita di Fondazione Arché, che da anni aiuta i bambini sieropositivi

15/04/2022  Nella puntata di domenica 17 aprile di Sulla via di Damasco su Rai 2 padre Giuseppe Bettoni, fondatore di Fondazione Archè e la testimonianza delle mamme di bambini sieropositivi

E scritto nel Vangelo: Pasqua è festa di speranza per tutti, nessuno escluso. Da un quartiere della periferia di Milano, da Quarto Oggiaro, Sulla Via di Damasco, domenica 17 aprile, ore 8.25, Rai Due, racconta la missione di Fondazione Arché, da anni impegnata a far fiorire la primavera della vita  dentro il cuore ferito dal dolore. Con Padre Giuseppe Bettoni (ospite), il fondatore, un itinerario nel dramma dellumanità più disperata che ha ritrovato la speranza: dal dramma dell'AIDS nella Milano di inizio anni 90, alle fragilità di questo tempo. Un viaggio lungo 30 anni, un tempo dove l'alfabeto della cura, del Vangelo, continua a dimostrare la sua efficacia. Ha trasformato il dolore in voglia di vivere, Antonella, la prima protagonista, che non si è arresa davanti alle  mortificazioni della violenza. Al microfono di Eva Crosetta anche due volontarie dei primi tempi di Arché, Anna Maria Bichisao e Maria Spinoso: due madri coraggiose che hanno avuto la forza di accogliere il dolore dei bambini sieropositivi, quando l'Hiv faceva paura. Subito dopo, la Pasqua di Elena e Luz, che sono tornate a sorridere grazie allincontro con la famiglia Arché. In coda al programma di Vito Sidoti, la resurrezione possibile di Cristiano Valanzano, in regime di semilibertà: le sue mani  che un tempo si sporcarono di sangue  modellano il pane che poi sarà consacrato. «Ognuno di noi è un dono meraviglioso»  così P. Giuseppe «Che sia volontario, mamma, prete, ciascuno di noi viene al mondo per lasciarlo migliore e portare frutto». 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo