logo san paolo
giovedì 18 agosto 2022
 
Colloqui col padre
 

La “Porta santa” dei detenuti

24/11/2016  Un lettore ci scrive ricordando che le galere sono piene di gente che ha fatto piangere e soffrire, macchiandosi di orrendi delitti e chiedendo anche un Giubileo per le vittime inermi dei delinquenti. La risposta di don Antonio Sciortino

Nel suo appello per un gesto di clemenza a favore dei detenuti, il Papa ha giustamente sottolineato che tutti, in talune circostanze, possiamo sbagliare anche gravemente. Mi permetto, però, di aggiungere che bisogna distinguere tra chi sbaglia una volta e chi elegge il crimine, la violenza e la prepotenza a sistema di vita. Le patrie galere sono piene di gente che ha fatto piangere e soffrire, macchiandosi di orrendi delitti e versando sangue innocente. Perché non si indice un Giubileo per le vittime inermi dei delinquenti?

SALVATORE R. 

«Il perdono di Dio non conosce confiŒni», aveva scritto papa Francesco nella bolla di indizione del Giubileo della misericordia. Dio vuole stare vicino a chi più ha bisogno del suo perdono. Per questo il Papa ha stabilito che anche la porta della cella fosse “Porta Santa” per i detenuti, per trasformare le sbarre in esperienza di libertà. Ma per chi persiste nella corruzione, assunta come stile di vita, Francesco non ha fatto mancare dure parole di condanna: «La Chiesa deve dire di no alla ’ndrangheta. I mafiosi sono scomunicati». Monito che ricorda il grido di Giovanni Paolo II ad Agrigento: «Mafiosi, convertitevi!».

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo