logo san paolo
martedì 16 agosto 2022
 
Il Teologo
 

Preghiera per i defunti e comunione dei santi: le differenze tra cattolici e testimoni di Geova

21/04/2022  Perché la Chiesa cattolica onora i defunti con la Santa Messa, mentre i testimoni di Geova sono convinti che pregare per i morti sia inutile?

I testimoni di Geova sostengono che le preghiere per i defunti non hanno senso. Perché allora la Chiesa cattolica celebra Sante messe in suffragio per i defunti?

ANONIMO

Pregare per i morti può sembrare contraddittorio. La fede in realtà ci ricorda che chi in terra ha sperato nel  nome di Gesù, in virtù dello stesso nome avrà la vita eterna. Dunque non sono morti, ma vivi nel Dio  Vivente. Non è detto, però, che essi abbiano conseguito la perfezione della fede prima della loro morte.  Dunque vi è lo stato di alcuni che, benché siano sicuri della salvezza eterna perché muoiono nell’amicizia  di Dio, hanno ancora bisogno di purificazione (cfr. Apocalisse 21-27) prima di entrare al cospetto celeste  (cfr. Compendio del Catechismo n. 210). Qui interviene la preghiera di intercessione e suffragio di tutta la  Chiesa, compresa l’offerta dell’Eucarestia. In particolare i beati in cielo chiedono a Dio per coloro che  passano per il purgatorio e per noi la gioia eterna, e noi, memori del bene ricevuto e dell’esempio di fede  dei nostri cari, ci associamo chiedendo «che splenda ad essi la Luce perpetua». Questa corrispondenza  tra cielo e terra viene da sempre denominata dalla Chiesa “comunione dei santi”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo