logo san paolo
lunedì 11 novembre 2019
 
scuola
 

Docenti: il ministro decreta il "liberi tutti"

30/12/2016  Il ministro Fedeli, in accordo con i sindacati, modifica uno dei capisaldi della Buona Scuola. Bene il riavvicinamento dei docenti lontani da casa. Peccato però che in tal modo si infrange il diritto alla continuità scolastica.

Si è insediata tra mille polemiche la neo ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli: millantata laurea e forse millantato diploma di scuola superiore. Ma, sicuramente, una lunga carriera come sindacalista. Ed è in tal senso che ha fatto la sua prima azione da Ministro, rivedendo la tanto discussa riforma renziana della scuola (l. 107). Con inaspettata velocità ha infatti messo mano allo spinoso capitolo del trasferimento dei docenti. Grazie a un accordo firmato in extremis da quasi tutti i sindacati, smonta  la norma che prevedeva  la permanenza triennale nella provincia e nella scuola in cui si era divenuti titolari. Tale norma era uno dei capisaldi della legge 107 e aveva causato numerose proteste tra gli insegnanti costretti, da un complicato calcolo di assegnazione delle cattedre, ad allontanarsi da casa e dalle famiglie. 

Per l’anno scolastico 2017/2018, coloro che  lo desiderano, potranno quindi chiedere il trasferimento anche se è passato solo un anno e riavvicinarsi a casa. Nulla da ridire, l’allontanamento forzato di qualunque lavoratore dalla propria famiglia non piace neanche a noi. Tuttavia non possiamo non notare che ancora una volta si interpreta la “Buona scuola” solo in relazione al lavoro dei docenti, ai loro diritti, sacrosanti, e alle loro richieste e bisogni. Dimenticando, per esempio, che i trasferimento nel prossimo anno scolastico comporteranno numerosi cambi di cattedra nelle varie classi e l’interruzione della continuità didattica per gli studenti.   

«Quella siglata oggi è un'intesa a favore della scuola. Abbiamo avviato un percorso di responsabilità e serietà che mette al centro il funzionamento del nostro sistema di istruzione. Abbiamo tutti collaborato avendo come obiettivo il miglioramento delle condizioni della scuola, pensando a chi a scuola lavora e a chi la frequenta» ha spiegato Valeria Fedeli.  Speriamo che nel lavoro della neo ministra, nonostante le dichiarazioni rassicuranti, non prevalga una visione dell’istruzione in cui i diritti degli insegnanti vengono prima di quelli degli studenti. Entrambi fanno parte del complesso mondo della scuola ed entrambi hanno diritto a lavorare e imparare nella stabilità e nelle migliori condizioni possibili.   

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%