Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
 

La quotidianità: alcuni consigli

19/09/2014  Nella quotidianità è importante stimolare l'autonomia e l'adattamento del malato per migliorare la qualità di vita sua e dei suoi familiari

Mantenere le abilità della vita quotidiana. A questo obiettivo si ispira la terapia occupazionale, introdotta di recente in Italia. Consiste in una serie di accortezze che mirano a valorizzare il comportamento delle persone affette da Alzheimer. A seconda del loro stato fisico e socio-emotivo, si prova a favorire:

LO SVILUPPO DELLA ROUTINE Si aiuta chi cura il malato a organizzare la giornata con compiti piacevoli che riducono l’agitazione e migliorano l’umore (alzarsi, lavarsi, vestirsi, mangiare e riposare nello stesso momento della giornata e nello stesso posto).

UN’ADEGUATA ALIMENTAZIONE Si fa vivere il pasto come un momento gustoso, servendosi di una serie di segnali ambientali: usare il solito posto a tavola, far sentire il profumo del cibo, conversare con calma, accettare il tempo più lungo, aiutare a portare il cibo in bocca eccetera.

LA CURA DELL’ABBIGLIAMENTO Si aiuta l’ammalato nei movimenti necessari per vestirsi e spogliarsi;  si cerca di essere flessibili e ragionevoli nella scelta degli indumenti e si loda e ringrazia per la partecipazione.

L’IGIENE PERSONALE Ci si avvale dei necessari supporti (maniglie, sedie girevoli, sollevatori) e si propone una comunicazione finalizzata a ridurre l’ansia e la paura. Fondamentale il rispetto delle abitudini e dei ritmi personali, l’eliminazione di oggetti pericolosi, l’accompagnamento di ogni gesto e tanta pazienza.

Multimedia
Mi chiamo Mario e ho il morbo di Alzheimer
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo