Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
 

La regola del "Quinonsitocca"

13/12/2010  Rischio pedofilia, sta per partire una campagna a livello europeo per aiutare i bambini a distinguere tra gesti di sano affetto e atteggiamenti malsani da parte degli adulti.

I dati dicono che in Europa un bambino su cinque potrebbe essere vittima di abuso sessuale. Di questi il 70-85% conosce il proprio aggressore e nel 90 % dei casi le violenze non vengono denunciati alle autorità. Di fronte a questi dati e alle notizie di cronaca che ci raggiungono giornalmente diventa difficile trovare la giusta strada fra un'ansia esagerata da parte dei genitori e l'invito educativo, al quale non vorremmo rinunciare, di andare con fiducia incontro al mondo e al prossimo.

In questo contesto il Consiglio d’Europa ha avviato di recente la Campagna  "Uno su cinque" all'interno del programma: "Costruire un Europa per e con i bambini".
L'Italia, attraverso il Ministero per la Pari Opportunità, ha aderito da subito alla Campagna.
In particolare sarà diffuso nei prossimi mesi attraverso vari mezzi di comunicazione la regola del Quinonsitocca per aiutare genitori ed educatori a spiegare ai bambini dai 4 ai 7 anni che hanno il diritto di porre limiti, di esprimere i propri sentimenti e di farsi ascoltare.

L'iniziativa è volta a far comprendere ai bambini quando i gesti sono davvero affettuosi, imparando così a distinguerli dalle attenzioni non dettate da affetto ma da "egoismi malsani". Un libro, alcuni spot televisivi, un apposito sito internet e l’aiuto del personaggio KIKO aiuteranno a trovare le parole e il linguaggio adeguato per aprire un confronto sereno e aperto su questi temi anche con bambini ancora piccoli.


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo