Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
Il teologo
 

La salvezza in Gesù Cristo eccede i confini della Chiesa

02/06/2022  I credenti morti prima della Rivelazione Cristiana che sono fedeli ad altre religioni si salveranno?

Risponde Gaia De Vecchi

Si salveranno i credenti delle altre religioni? E quelli che sono morti prima della Rivelazione cristiana?

A testimonianza di quanto la tematica, nei secoli, abbia interrogato teologi e pastori, per affrontare la  questione sono state utilizzate diverse categorie. Si tratta di trovare un equilibrio tra due convinzioni presenti fin dalle origini nel cristianesimo: da una parte, la Chiesa è necessaria alla salvezza perché solo Cristo è il Mediatore e la via; dall’altra, Dio vuole che tutti gli uomini siano salvi. Soprattutto a partire
dal concilio Vaticano II, in un’ottica di dialogo interreligioso, il magistero ha più volte ribadito che, sebbene la rivelazione sia compiuta solamente in Gesù, le altre religioni non raramente riflettono un raggio di quella verità che illumina tutti gli uomini e aiutano i fedeli a cogliere qualcosa del mistero di Dio. Potremmo dire così: la Chiesa è necessaria in ordine alla salvezza del mondo. La libera e consapevole professione di fede in seno a essa è la via maestra per essere salvati, ma la grazia di Dio è eccedente e può raggiungere l’uomo anche
attraverso altre strade (cfr. Giovanni 3,8), prima e dopo Gesù di Nazaret.

 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo