logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
Francia
 

"Non dategli da mangiare". Il diktat della sindaca di Calais contro i profughi

03/03/2017  Natacha Bouchart, del partito di centro destra Les Républicains, pensa così di impedire un nuovo accampamento stabile di disperati come "la giungla" smantellata nell'ottobre del 2016. La protesta del mondo del volontariato: non possiamo far morire le persone di fame

Niente pane e niente sapone, Non date da mangiare  ai migranti e ai rifugiati. Non fateli lavare. Così prima o poi se ne andranno. Lo chiede Natacha Bouchart, la sindaca  di Calais, la città del nord della  Francia dov'era sorta, nel corso del tempo, la cosiddetta “giungla”, un accampamento per rifugiati e migranti che era arrivato ad ospitare oltre 6.000 persone in condizioni precarie e pericolose.

 

La “giungla” è stata evacuata e smantellata alla fine dello scorso ottobre (ci sono voluti 170 autobus), ma ora la sindaca teme che si possa creare un nuovo accampamento, perciò chiede con una ordinanza di non fornire cibo ai migranti e ai rifugiati che in questo periodo frequentano la città.

 

Natacha Bouchart, 53 anni, sindaca di Calais dal 2008, fa parte del partito di centro destra “Les Républicains”, lo stesso dell’ex presidente Sarkozy e dell’attuale candidato alla presidenza (sia pure azzoppato dalle inchieste giudiziarie) François Fillon. Mercoledì la sindaca ha ricevuto a Calais il ministro dell’interno Bruno Le Roux. Il ministro ha concordato sul fatto che a Calais non deve sorgere un nuovo accampamento (“ci opporremo fermamente”, ha detto), tuttavia Le Roux  ha precisato che “non impediremo la distribuzione dei pasti”. Ma la prima cittadina non è d’accordo.

 

Con la sua ordinanza, la sindaca si è messa in contrasto con le varie associazioni di volontari che si prendono cura dei migranti presenti a Calais. Vincent de Coninck, del Secours Catholique, dice. “Ci prenderemo le nostre responsabilità e sono stupefatto che un  politico possa arrivare a vietare a dei bambini di lavarsi e di nutrirsi”.  Gaël Monzy, dell’associazione Utopia 56, dice: “Continueremo a distribuire i pasti come facciamo da due mesi e per una semplice ragione: le persone hanno fame”. Da varie settimane il Comune di Calais tenta di impedire al Secours Catholique di installare delle docce per i migranti. Tra questi ci sono anche molti bambini. Il Secours Catholique ha denunciato la loro condizione in una lettera inviata il 28 febbraio al ministro dell’Interno e alla ministra per la casa. “Non potete continuare  a far finta di niente”, hanno scritto i volontari cattolici.

I vostri commenti
31

Stai visualizzando  dei 31 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo