Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 luglio 2024
 
polemiche
 

La sindaca di Siena risponde alla Santanchè:«Il Palio non è un’attrazione turistica e non voglio che lo diventi»

16/08/2023  In risposta alle dichiarazioni della ministra, che ha definito l'evento una fonte preziosa per il turismo, la prima cittadina della città toscana replica: «I visitatori che vengono e osservano frettolosamente la nostra manifestazione non sono una grande risorsa per la città»

A poche ore dal colpo di mortaretto che aprirà le porte di Palazzo Pubblico, dal quale usciranno a cavallo i fantini rappresentanti delle contrade sfidanti di Siena, la disputa si gioca su un altro campo: quello della politica.

Ospite d’onore del Palio della Madonna Assunta infatti sarà proprio la ministra del Turismo Daniela Santanchè, che qualche giorno fa, intervistata dal quotidiano La Nazione, aveva rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’evento: «Genera forti emozioni, una festa di popolo, una tradizione secolare. Naturalmente non è nato per essere un evento turistico, ma è diventato anche un attrattore di turismo. Basta guardare alle presenze degli stranieri al Palio per valutare la sua importanza». La ministra conclude quindi l’intervento rimarcando il concetto: «E' un dato di fatto che la festa faccia bene al sistema economico. Un ottavo delle imprese in provincia di Siena è legato al settore turistico».

Argomentazioni considerate divisive, soprattutto in seno alla città che dal 1644 celebra una delle più antiche e famose gare equestri al mondo. La sindaca di Siena, Nicoletta Fabio, interpellata riguardo le parole della ministra, ha risposto tradendo un certo rammarico: «Per me il Palio non è un’attrazione turistica e non voglio che lo diventi. I turisti che vengono e osservano frettolosamente la nostra manifestazione, senza aver capito e compreso veramente cosa è il Palio non sono una grande risorsa per la città».

A sostegno delle considerazioni della sindaca anche la mancanza di firme, da parte dei senesi, per il referendum proposto dall’associazione ‘Rispetto per tutti gli animali’, presieduta da Giancarlo De Salvo, che mira a raccogliere 500 mila firme di cittadini entro il 15 settembre per l'eliminazione del Palio. A tal proposito, la prima cittadina di Siena ha affermato: «La preoccupazione è relativa. Certe proposte mi sembra che nascono più che altro da un desiderio di visibilità. Capisco che taluni possano avere delle preoccupazioni e la sensibilità verso queste tematiche è aumentata, ma ad ora la preoccupazione è relativa».

(Immagine in alto: il fantino dei record Giovanni Atzeni, detto Tittia, in sella a Violenta da Clodia, vince il palio di luglio 2023 per la Selva, entrando nella storia. Foto ANSA)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo