logo san paolo
mercoledì 25 maggio 2022
 
 

La Sloi di Trento per il 1° maggio

01/05/2010  Un film-documentario per i diritti dei lavoratori

La Sloi (società lavorazioni organiche italiane) di Trento nacque durante il fascismo, nel 1940, sotto la guida dell'ingegner Carlo Luigi Randaccio. Con il boom economico degli anni '50 l'azienda raggiunge i suoi massimi livelli perché produce piombo tetraetile, sostanza necessaria per creare la benzina super. In poco tempo diventa la maggiore produttrice d'Europa, soddisfa la crescente richiesta delle raffinerie, acquista nuovi macchinari e aumenta ritmi e ore di lavoro. Ma aumentano anche le esalazioni di questa sostanza altamente nociva che innesca sintomi e danni simili a quelli dell'alcolismo, fino alla morte. Nel 1978 la chiusura della Sloi è dettata da un incendio che mette a rischio tutta l'area. Tra il 1960 e il 1971 si contanto nell'azienda 1.108 casi di infortunio, oltre 600 i casi di intossicamento da piombo, 325 gli operai ricoverati in ospedale. Il documentario Sloi, la fabbrica degli invisibili, raccoglie le voci di ex dipendenti, familiari ed esperti. Le riprese sono state fatte all'interno dell'area dismessa della fabbrica e all'interno dell'ex ospedale psichiatrico di pergine Valsugana, in provincia di Trento: una delle conseguenze di queste esalazioni, infatti, era la pazzia.

Sabato 1° maggio, 15.10 - History Channel

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo