logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
In scena
 

La storia di Perlasca, lo Schindler italiano, arriva a teatro

16/12/2019  Dal 17 al 22 dicembre al Teatro Franco Parenti di Milano "Perlasca, il coraggio di dire no"

La vicenda di Giorgio Perlasca, l'Oskar Schindler italiano, è venuta alla luce solo in tempi recenti e su di essa è stata fatta una serie televisiva con Luca Zingaretti, e sono stati scritti libri. Ora la sua figura è rievocata a teatro in un monologo intenso,Perlasca, il coraggio di dire no, di e con  Alessandro Albertin.  regia Michela Ottoliniin scena al Teatro Franco Parenti di Milano dal 17 al 22 dicembre, e poi in torunèe. Budapest, 1944. Giorgio Perlasca, un commerciante di carni italiano, è ricercato dalle SS. La sua colpa è quella di non aver aderito alla Repubblica di Salò. Per i tedeschi è un traditore e la deve pagare. In una tasca della sua giacca c’è una lettera firmata dal generale spagnolo Francisco Franco che lo invita, in caso di bisogno, a presentarsi presso una qualunque ambasciata spagnola. In pochi minuti diventa Jorge Perlasca e si mette al servizio dell’ambasciatore Sanz Briz per salvare dalla deportazione quanti più ebrei possibile. Quando Sanz Briz, per questioni politiche, è costretto a lasciare Budapest, Perlasca assume indebitamente il ruolo di ambasciatore di Spagna. In soli 45 giorni, sfruttando straordinarie doti diplomatiche e un coraggio da eroe, evita la morte ad almeno 5.200 persone. A guerra conclusa torna in Italia e conduce una vita normalissima, non sentendo mai la necessità di raccontare la sua storia, se non a pochi intimi. Vive nell’ombra fino al 1988, quando viene rintracciato da una coppia di ebrei ungheresi che gli devono la vita. Dichiarato Giusto tra le Nazioni nel 1989.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo