logo san paolo
sabato 26 novembre 2022
 
 

«Tentati di non accettare limiti»

06/02/2013  Il Papa, durante l’udienza generale nell'aula Paolo VI, ha proseguito le sue catechesi sul Credo: l'uomo diventa grande solo se si scopre piccolo davanti al Dio che lo ha creato.

«Costruirsi da soli il mondo in cui vivere, non accettare i limiti dell’essere creatura, i limiti del bene e del male, della moralità». Così il Papa, soffermandosi sul primo libro della Genesi nell'udienza generale del mercoledì , ha interpretato la «tentazione» simboleggiata dal serpente, che vede la «dipendenza dall’amore creatore di Dio» come «un peso di cui liberarsi» e «suscita il sospetto che l’alleanza con Dio sia come una catena che lega, che priva della libertà e delle cose più belle e preziose della vita».


«Ma quando si falsa il rapporto con Dio, mettendosi al suo posto, tutti gli altri rapporti vengono alterati», ha ammonito Benedetto XVI: «Allora l’altro diventa un rivale, una minaccia», e «il mondo non è più il giardino in cui vivere con armonia, ma un luogo da sfruttare e nel quale si celano insidie, l’invidia e l’odio verso l’altro entrano nel cuore dell’uomo». «Andando contro il suo Creatore - ha commentato il Papa - in realtà l’uomo va contro se stesso, e il male entra nel mondo, con la sua penosa catena di dolore e di morte». Altra immagine significativa della Genesi, il giardino con l’albero della conoscenza del bene e del male, che «ci dice che la realtà in cui Dio ha posto l’essere umano non è una foresta selvaggia, ma luogo che protegge, nutre e sostiene» e che «l’uomo deve riconoscere il mondo non come proprietà da saccheggiare e da sfruttare, ma come dono da coltivare e custodire».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo