Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
il teologo
 

La traduzione italiana dell’antifona “Regina caeli” svaluta il Sì di Maria?

19/01/2022  Secondo un lettore la frase "Cristo che hai portato nel grembo" non rende completamente merito alla scelta di Maria. Ecco come gli risponde Silvano Sirboni

Il testo italiano del Regina caeli traduce quem meruisti portare (= colui che hai meritato di portare) semplicemente con «Cristo che hai portato nel grembo». Ora mi chiedo se Maria con il suo libero sì non abbia alcun merito. - Francesco L.

Questa antifona mariana nasce nell’ambiente monastico del X secolo e unisce mirabilmente i due fondamentali eventi della vita di Cristo: il suo concepimento nel grembo di Maria e la sua risurrezione. Entrato nel Breviario Romano (1568) sostituisce dal 1742 la recita dell’Angelus durante il tempo pasquale. Per quanto riguarda le motivazioni della traduzione ufficiale in italiano, negli anni sessanta del secolo scorso, sarebbe necessaria una ricerca nei verbali del gruppo di lavoro. È comunque significativo che anche altre traduzioni nelle lingue più diffuse, salvo poche eccezioni, usino espressioni equivalenti ma non letterali. Per ora possiamo soltanto supporre (ma si tratta di un’opinione personale) che si sia voluto evitare ogni eventuale discussione riguardo all’insondabile rapporto fra la grazia e la libertà umana, senza per questo togliere alcunché a colei che è la «piena di grazia» e che ha accettato liberamente di farsi «serva del Signore».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo