Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 luglio 2024
 
non si può sentire
 

La tripletta greve di Vittorio Feltri

02/07/2024  Il giornalista offende Ilaria Salis, le cameriere e gli abitanti di Catanzaro in un colpo solo. Il sindaco della città lo ha querelato. La protesta dell'Associazione nazionale donne elettrici

Vittorio Feltri colpisce ancora.Tutto è accaduto in un reel pubblicato per Il Giornale nel quale il giornalista critica il modo in cui Ilaria Salis, nella ormai celeberrima foto accompagnata con Mimmo Lucano e Carola Rackete, si è presentata al Parlamento Europeo: «È vestita come una cameriera di Catanzaro, la cosa più bassa che si possa immaginare». 

Il sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita ha ripubblicato le immagini del reel di Vittorio Feltri e ha attaccato l'ex direttore: «Lo porteremo in tribunale per le sue inaccettabili offese alla nostra città e per le sue frasi razziste». 

L’ANDE Nazionale, associazione politica apartitica nella sua funzione a tutela della giustizia sociale e della civile convivenza, intende stigmatizzare con decisione le parole pronunciate Feltri.

«In tal modo il giornalista non si è fermato alla battuta di cattivo gusto, ma è andato ben oltre, perché specificando che la “cameriera di Catanzaro” è “la cosa più bassa che si possa immaginare, ha chiarito e rimarcato che per la sua cultura, per la sua esperienza e per le sue conoscenze, non esiste nel mondo – reale e persino immaginario – qualcosa di peggiore. Con una sola frase Vittorio Feltri ha calpestato la dignità del lavoro, la dignità delle “cameriere”, la dignità del Meridione, di cui Catanzaro nella sua ottica rappresenta il simbolo più “basso”. Tutto ciò non è accettabile ed è opportuno che a tutela dei fondamentali valori lacerati si levino le giuste recriminazioni da parte di tutto il mondo associazionistico, perché si tratta di affermazioni che non ledono solamente il Sud e le “cameriere”, ma che mettono in discussione conquiste sociali, eguaglianza e rispetto, principi rispetto ai quali chiunque deve sentirsi coinvolto».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo