logo san paolo
martedì 24 maggio 2022
 
 

Caritas: a Lampedusa solo allarmi

30/03/2011  La Caritas italiana lo ha detto a Berlusconi: u. Oliviero Forti, capo ufficio immigrati, avvia una struttura permanente sull'isola con volontari delle diocesi italiane.

A Berlusconi ha detto che una situazione come quella di questi giorni a Lampedusa “non si deve più ripetere”. Oliviero Forti, capo dell’Ufficio immigrazione della Caritas italiana, ha partecipato all’incontro che il presidente del Consiglio ha avuto con i responsabile delle ong presenti sull’isola.  La Caritas italiana ha deciso di aprire una struttura permanente, almeno per alcuni mesi, sull’isola che vedrà ruotare volontari provenienti da diverse diocesi d’Italia. La Caritas lavorerà nell’ex-base militare Loran dove sono ospitati minori che sono arrivati con i barconi senza genitori e nella casa delle Fraternità della parrocchia dell’isola.

 La Caritas è convinta infatti che “flusso continuerà”, perché  “Lampedusa è terra di frontiera e lo rimarrà. E a questo bisogna prepararsi”, osserva Forti. Ma il dramma si poteva evitare se si fosse “messo in moto immediatamente il sistema di accoglienza”: “Sei mila persone sono una tragedia per Lampedusa, ma non un problema per l’Italia. Bastava evacuare gli immigrati man mano che arrivavano. Invece ci si è limitati a lanciare allarmi per provocare panico nella gente”. Alcune prefetture dove sono state installate le tendopoli hanno chiesto alle Caritas diocesane una mano per assistere gli immigrati. Intanto il vescovo di Agrigento Francesco Montenegro ha deciso di celebrare la veglia pasquale non nella cattedrale di Agrigento, ma proprio a Lampedusa.    

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo