Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
SANTA SOFIA-ROMA
 

Il vicario dell'esarcato cattolico ucraino in Italia: "L'aggressione? Un piano di Satana"

20/03/2022  «Questa guerra è un piano diabolico che si sta realizzando. Il nostro popolo sta rispondendo unito, specie con la preghiera, a questa aggressione».  Padre Teodosio Roman Hren, vicario generale dell’esarcato apostolico per i fedeli cattolici ucraini di rito bizantino residenti in Italia, si confida in un’intervista che Famiglia Cristiana pubblica nel numero in parrocchia e edicola.

«Questa guerra è un piano diabolico che si sta realizzando. Il nostro popolo sta rispondendo unito, soprattutto con la preghiera, a questa aggressione».  Padre Teodosio Roman Hren, vicario generale dell’esarcato apostolico per i fedeli cattolici ucraini di rito bizantino residenti in Italia, si confida in un’intervista che Famiglia Cristiana pubblica nel numero in parrocchia e edicola. «In Italia cattolici e ortodossi vengono nelle nostre chiese per invocare, insieme, la pace. Noi accettiamo tutti. Abbiamo organizzato diversi incontri, pellegrinaggi, veglie notturne per pregare il Signore affinché doni la pace, non solo in Ucraina, ma in tutto il mondo. La guerra è un male dove non ci sono vincitori, perdono tutti. E per noi quando c’è una guerra, penso allo Yemen, ma pure ad altre zone del mondo, è un dolore».

«Anche in Ucraina si sta pregando insieme», puntualizza padre Teodosio Roman Hren. «Ci sono gli ortodossi membri della Chiesa ortodossa di Mosca che fa capo al patriarca Kirill e c’è la Chiesa ortodossa autocefala che nel 2017 ha ricevuto la capacità di autogoverno dal Patriarca di Costantinopoli, cosa alla quale Mosca ha risposto rompendo la comunione con Bartolomeo. Con la guerra, sappiamo che alcune cose sono cambiate perché anche gli ortodossi russi residenti in Ucraina sono contro la guerra, contro l’aggressione e non accettano quello che succede. Diverse parrocchie sono passate alla Chiesa ortodossa ucraina e anche quelle che sono rimaste unite con Mosca hanno smesso di commemorare Kirill durante le liturgie (come se in quelle cattoliche non si pregasse più a Messa per il Papa, ndr). Oggi, in realtà,  i fedeli in Ucraina non si dividono: ortodossi e cattolici, a prescindere dal diritto e dalla confessione, si aiutano e pregano. Il nostro popolo si sta opponendo al male».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo