Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
IN FAMIGLIA
 

«Le amiche di colpo, senza motivo, l’hanno esclusa. Ora è molto sola»

25/07/2023  «Mia figlia ha 13 anni e per molto tempo è stata legatissima a tre ragazze che adesso l'hanno "scartata"». Leggi la risposta di Alberto Pellai medico e psicoterapeuta

Mia figlia ha 13 anni e per molto tempo è stata legatissima a tre ragazze, compagne di classe, condividendo quasi tutto. All’improvviso, apparentemente senza alcuna ragione, è stata “scartata”. Così si è trovata sola, senza capire che cosa sia accaduto. Ora si è convinta di non valere niente e di avere qualcosa che non va. Il gruppo la esclude e non la invita a uscire, lei piange e si sente sola. Io come mamma non so cosa fare.

Benedetta

 

Gentile Benedetta, in preadolescenza le storie di amicizia dei nostri figli hanno percorsi molto variabili. C’è l’amico del cuore. Ci sono amici con cui ci si vede sempre e altri che si incontrano solo in vacanza o in specifiche occasioni. La stabilità dei legami amicali è qualcosa che i nostri figli cercano sempre: vogliono sentirsi inclusi, coinvolti, apprezzati.

Ma a volte questi legami si spezzano. E soprattutto quando si è molto giovani non è facile capire quali siano le dinamiche che interrompono relazioni che sembravano consolidate, proprio come è accaduto a tua figlia. Il tuo ruolo è quello di starle accanto. Di farle capire che l’amicizia è un po’ come la vita. Non tutto è prevedibile, non tutto è controllabile, non tutto è esente da disagio e dolore.

Questo non significa lasciarla passiva di fronte a ciò che è successo. Ma in nessun modo devi sostituirti a lei nel verificare ragioni e motivi di quanto sta accadendo. Molti genitori, pensando di aiutarli, entrano nelle questioni relazionali dei figli, telefonando agli amici o ai loro genitori, chiedendo per quali motivi si sia interrotto un legame di amicizia. A volte si fa lo stesso anche con i fidanzati.

 Invece, noi adulti non dobbiamo invadere il territorio delle relazioni dei figli, bensì dobbiamo invitarli a prendersi attivamente cura dei legami e dei rapporti in cui sono coinvolti. . Puoi per esempio invitare tua figlia a scrivere una lettera in cui descrive il suo disorientamento rispetto a questo “abbandono”. La puoi sostenere nel coinvolgersi con altre compagne e amici magari invitandole a casa vostra nel pomeriggio.

In questo tempo di fatica e tristezza, la puoi spronare a cercare un’attività nella vostra comunità in cui essere a contatto con ragazzi e ragazze della sua stessa età (coro, banda, squadra sportiva, gruppo oratorio eccetera). La scomparsa delle farfalle di F. Geda (Einaudi) e Far fiorire le ferite di D. Pessin (Il castoro) sono due bellissimi libri per adolescenti che parlano di amicizia e che aiutano e riflettere.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo