logo san paolo
venerdì 20 maggio 2022
 
 

Scommesse, le antiregole del gioco

05/06/2011  Diciamo spesso che lo sport è metafora di vita. E anche questo calcio malato, travolto dall'ennesimo scandalo, purtroppo lo è.

Lo scandalo scommesse si allarga, una quindicina di partite di Lega Pro, 7-8 di serie B, 3-4 di A per ora al vaglio degli inquirenti e l'Atalanta lì a metà del guado neo promossa in A, ma con le mani nella marmellata fin oltre il gomito forse di più.


La notizia è che sono saltate le regole del gioco, quelle delle scommesse legali prima, quelle del pallone di conseguenza, ma a monte sono saltate le regole del vivere civile. Perché se una radice ha quest'ennesimo scandalo del pallone, sta nella facilità con cui la sregolatezza penetra nelle nostre vite. Dove ci sono regole, è fatale, c'è qualcuno che prova a violarle per accelerare la corsa al facile guadagno. Succede ovunque, la differenza è che a casa nostra ciò accade nell'indifferenza generale. Siamo un Paese con un sistema immunitario addormentato, mancano gli anticorpi, e quando ci sono sono poco reattivi. 

Davanti a un sospetto, spesso la parte pulita della società chiude gli occhi, si volta altrove, sceglie il quieto vivere anziché la scomodità della denuncia. La facilità con cui il trucco perverso penetra nel pallone è la medesima che consente alla criminalità organizzata di farsi strada nel Paese, penetrando nell'economia come un coltello nel burro. Poi si scopre che i due mondi non sono così distanti. L'inchiesta in corso ci sta dicendo che a fare affari con le scommesse clandestine e con le partite truccate sono anche le organizzazioni criminali che hanno denaro liquido e sporco da riciclare. 

C'è di mezzo - nel piccolo del pallone e nel grande della criminalità con la C maiuscola, che finiscono per sfiorarsi -  un nostro rapporto, molto italiano e molto distorto, con il concetto di regola, vissuta non come lo strumento che ci consente di vivere insieme in maniera ordinata, di guidare l'auto senza precipitare nel caos, di giocare a qualunque gioco senza finire in rissa, ma come una vessazione imposta dall'alto, come un'imposizione vissuta con fastidio. 
C'è di mezzo insomma una cosa che si chiama senso civico, senso dello Stato, rispetto del diritto contro la prevaricazione. 

Se chi normalmente si occupa di politica o di calcio deve sconfinare troppo spesso nella cronaca giudiziaria è perché i concetti di cui sopra sono labili, fragili, astratti al punto da dover essere sempre demandati ad altri: nella fattispecie alla magistratura ordinaria. Per reagire, per provare indignazione o magari disgusto abbiamo bisogno di una sentenza. E invece sarebbe più sano che ci bastasse il sospetto che qualcuno violi le regole del nostro gioco, si prenda gioco della nostra onestà e delle nostre emozioni.

Ma finché sugli spalti dei campionati ci sono striscioni che rimpiangono Moggi da quel senso civico siamo lontani anni luce.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo