logo san paolo
mercoledì 26 gennaio 2022
 
Colloqui col Padre
 

«Le continue critiche interne alla Chiesa diventeranno un boomerang»

03/05/2018 

Ma le continue critiche nei confronti di vescovi, sacerdoti, Curia..., anche se in ogni gruppo c’è buono e cattivo, non danneggiano la Chiesa tutta? Sono un padre di tre figli, operaio, cattolico, frequentante e credente, e tutto questo mi fa molto male, mi mette un sacco di dubbi. Penso che se si vuole sfasciare tutto siamo sulla buona strada. Forse anche in alto serve meno esuberanza e più riflessione, non siamo in America latina. Qui le parole è meglio che siano chiare. Scusi lo sfogo, ma sono molto deluso e fatico a trasmettere questa fede, che mi sembra sempre più svuotata di fondamento, ai miei figli.

LUCA

Caro Luca, le critiche non sono mai mancate nella Chiesa e possono essere utili, se fatte con amore, in vista del bene. Il criterio da seguire lo ha ben espresso sant’Agostino: «Ama e fa’ ciò che vuoi; sia che tu taccia, taci per amore; sia che tu parli, parla per amore; sia che tu corregga, correggi per amore; sia che perdoni, perdona per amore; sia in te la radice dell’amore, poiché da questa radice non può procedere se non il bene». A volte, invece, le critiche sembrano solo piene di malizia.

Riguardo al Papa e al suo stile, forse non a tutti piace, ma lui sta solo chiedendo a tutti noi di riscoprire nel Vangelo, nelle parole e nella vita di Gesù la radice della nostra fede. Che non è prima di tutto una dottrina fatta di idee chiare e distinte, ma accoglienza di un Dio che ci ama, un cammino, a volte faticoso, sulle orme di Gesù Cristo, trasformati dal suo Spirito d’amore per amare i nostri fratelli. Non in astratto, ma nella vita quotidiana. Come ha scritto Francesco nell’esortazione Gaudete et exsultate, la santità a cui tutti siamo chiamati si può vedere «nel popolo di Dio paziente: nei genitori che crescono con tanto amore i loro figli, negli uomini e nelle donne che lavorano per portare il pane a casa, nei malati, nelle religiose anziane che continuano a sorridere».

I vostri commenti
16

Stai visualizzando  dei 16 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo