logo san paolo
domenica 29 maggio 2022
 
politica
 

Le dimissioni di Grasso e la parabola di Renzi

27/10/2017  Le dimissioni del presidente del Senato in polemica con il segretario del Pd, caso quasi unico nella storia della Repubblica segnano l'ennesima sconfitta di un leader sempre più in difficoltà

Le dimissioni dal Pd del presidente del Senato Piero Grasso, che ha dichiarato di riconoscersi più nel partito, segnano un’altra sconfitta del segretario Matteo Renzi. Proprio nei giorni in cui si apre ufficialmente la campagna elettorale la sua figura è sempre più appannata politicamente. Se la maggioranza del Governo tiene, è solo per l’innesto in pianta stabile dell’Ala di Denis Verdini, ormai assimilabile allo stesso Pd renziano per programmi e valori.
 

La verità è che dopo l’approvazione del “Rosatellum” l’accrocchio elettorale varato da una malandata maggioranza a colpi di fiducia, Renzi si accinge a portare il suo partito a una probabile sconfitta. Il suo tour ferroviario non sembra mietere particolari successi per risollevare la situazione. Se aggiungiamo gaffes clamorose, come quella di tenere un comizio in una chiesa all’insaputa del parroco, la sconfitta sonora nella partita sul governatore di Bankitalia Visco, riconfermato a dispetto della mozione del Pd voluta dal segretario, i pessimi rapporti con i fuoriusciti, allora dobbiamo parlare di una Caporetto politica.

Il precedente di Grasso è molto grave. Nella storia della Repubblica italiana mai era avvenuto un caso simile (se si eccettua il caso molto particolare di Cesare Merzagora). Mai un presidente del Senato aveva abbandonato il partito di appartenenza a fine legislatura. Le motivazioni di Grasso sono una vera e propria lista di capi d'accusa politici nei confronti del segretario del Pd fiorentino. Grasso prende le distanze da un segretario che anche con forzature come quelle delle otto fiducie sulla legge elettorale comprime il ruolo del Parlamento forse più di quanto facevano i governi di Berlusconi e che usa spesso i toni dell’antipolitica nell’illusorio tentativo di battere gli originali, dalla Lega a Grillo. Con il Rosatellum ha contribuito a paralizzare il sistema. Nel frattempo il Centrodestra annusa la vittoria e si ricompatta. Insomma il Renzi del 2014, il "Matador" del 40 e passa per cento alle europee è ormai un fantasma che si aggira per i labirinti della politica italiana.  

I vostri commenti
33

Stai visualizzando  dei 33 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo