logo san paolo
domenica 11 aprile 2021
 
 

Le finanze della Chiesa e l'economia "francescana"

12/06/2013 

“San Pietro non aveva un conto in banca, e quando ha dovuto pagare le tasse il Signore lo ha mandato al mare a pescare un pesce e trovare la moneta dentro al pesce, per pagare”.

Così Papa Francesco nell’omelia della messa mattutina alla Domus Santa Marta, dedicata, ancora una volta, alla “povertà e alla “gratuità” con cui deve agire la Chiesa. La povertà è ormai un carattere distintivo del suo pontificato.

 

Del resto questa sua “teologia della povertà” viene da lontano, da una consapevolezza appassionata, dalla crisi che aveva divorato il suo Paese. In un’intervista a Gianni Valente, l’allora arcivescovo di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio aveva elencato i mali morali che hanno portato alla bancarotta dell’Argentina, la cui fase parossistica si verificò soprattutto tra il 1999 e finì per attenuarsi dopo il 2002 con il ritorno alla crescita del Pil.

Bergoglio aveva evocato l’immagine dei tanti genitori delle Villas Miseria che di notte attendevano che i figli dormissero per piangere sulle proprie sciagure. Questi episodi così drammatici e struggenti avvennero nei giorni del dissesto dei conti pubblici e dell’implosione dei “tango bond”. 

“La concezione magica dello Stato” è alla base della diagnosi di Bergoglio di quel male sociale che ha coinvolto milioni di argentini, insieme con  “la dilapidazione del denaro del popolo, il liberalismo estremo mediante la tirannia del mercato, l’evasione fiscale, la mancanza di rispetto della legge tanto nella sua osservanza quanto nel modo di dettarla e applicarla, la perdita del senso del lavoro”.

E soprattutto “una corruzione generalizzata che mina la coesione della nazione e ci toglie prestigio davanti al mondo”.

 

 

Tutti temi che torneranno nel suo pontificato e nella sua analisi dei mali sociali del mondo globalizzato. Del resto la povertà è stato uno dei suoi primi pensieri fin dall’elezione del Conclave, fin da quando il cardinale Hummes gli si avvicinò per ricordargli “i poveri, i poveri”, come un chiodo nella testa. Poche ore dopo l’elezione, di fronte ai giornalisti radunati nella Sala Nervi, accennando a quell’episodio, Francesco ha rivelato di sognare una Chiesa “povera per i poveri”.

“Il Vangelo va annunciato con semplicità e gratuità”, ha sottolineato Francesco ribadendo che, nella Chiesa, la testimonianza della povertà ci salva dal diventare dei meri organizzatori di opere (è il senso delle “opere di religione” che vedono sacerdoti e religiosi al centro della loro attività, come le cliniche, gli ospedali, gli istituti scolastici, le case famiglia, le università, le imprese sociali, le cooperative, le missioni e via dicendo).

E ha avvertito che quando vogliamo fare una “Chiesa ricca”, la Chiesa “invecchia, non ha vita”.  Non a caso la sua prima enciclica dovrebbe trattare proprio queste tematiche, in continuità con la Caritas in Veritate di Benedetto XVI. Il pensiero del nuovo pontefice si muove su una duplice direzione.

 

 

Se da una parte desidera una Chiesa “povera”, per dare l’esempio, dall’altro non cessa di gridare allo scandalo contro una povertà che rende schiavi miliardi di persone: “Non si possono capire i bambini affamati, senza educazione e i tanti poveri, la povertà oggi è un grido”.

Il tema centrale del suo messaggio è la redistribuzione delle risorse, in linea con il Discorso sulla Montagna (“Beati i poveri”). Per far questo, dice, “dobbiamo tutti diventare un po’ più poveri per assomigliare a Gesù che era il maestro povero”.

 

 

Il messaggio che Papa Bergoglio continua a diffondere è semplice e profondo allo stesso tempo. La Chiesa deve ritrovare un’austerità e una sobrietà trasparente e visibile, come fu quella di Gesù e dei dodici apostoli. La Chiesa non può essere assimilata a una gigantesca onlus. E non può nemmeno ricavare profitti come un imprenditore qualsiasi, bensì reinvestire i suoi utili per il prossimo nello spirito della parabola dei talenti. Ma alcuni suoi strumenti finanziari, ha fatto intendere, devono essere adoperati con lo spirito di una onlus, come una banca etica necessaria ad alimentare la linfa finanziaria della comunità cristiana. E tra questi c’è sicuramente l’Istituto per le Opere di Religione.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%