logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
Angelus
 

Le guerre sono inutili stragi: fermatevi!

27/07/2014  Forte appello di papa Francesco all'Angelus contro tutti i conflitti. Partendo dal centenario della Prima guerra mondiale, Bergoglio ha ammonito i governanti a non ripetere gli errori del passato e ha chiamato in causa Medio Oriente, Ucraina e Iraq.

"Medioriente, Ucraina, Iraq, fermatevi!". E' risuonato forte e potente il grido del Papa all'Angelus in San Pietro. Dopo una settimana segnata da orribili stragi, che hanno coinvolti civili e innocenti, il pensiero del Pontefice è andato alle guerre che stanno insaguinando il mondo.

Francesco ha rievocato la Prima guerra mondiale, di cui ricorre il centenario, ricordando come Benedetto XV la definì una inutile strage. Tutte le guerre sono tali, ha ammonito il Papa, ieri come oggi. Chi segue la via della guerra, uccide la pace e uccide il futuro: "Penso soprattutto ai bambini, ai quali si toglie la speranza, il futuro. Bambini morti, bambini feriti, bambini orfani, bambini che giocano sui residui bellici e non sanno sorridere".

Francesco ha ricordato che dagli errori del passato bisogna imparare, affinché non si ripetano in futuro, provocando nuovamente distruzione e miseria. Per questo, il Pontefice ha lanciato un nuovo appello di "pace", chiamando in causa le tre aree di crisi di questi giorni drammatici: il Medio Oriente, l'Iraq e l'Ucraina.

"Vi chiedo", è stato l'appello del Papa, "di continuare a unirvi alla mia preghiera perché il Signore conceda alle popolazioni e alle autorità di quelle zone la saggezza e la forza necessarie per portare avanti con determinazione il cammino della pace, affrontando ogni diatriba con la tenacia del dialogo e del negoziato e con la forza della riconciliazione. Al centro di ogni decisione non si pongano gli interessi particolari, ma il bene comune e il rispetto di ogni persona".

Multimedia
L'appello del Papa: Fermatevi, basta bambini morti
Correlati
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo