Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
 

Le Iene tolgono agli studenti Facebook

04/05/2011  L'esperimento compiuto da Enrico Lucci nella nuova puntata dello show di Italia 1

Mercoledì 4 maggio 2011 alle ore 21.10 su Italia 1 nuovo appuntamento con “Le Iene Show” in diretta dallo studio 4 di Cologno Monzese. Fra i servizi presentati da Luca e Paolo e Ilary Blasi quello di Giulio Golia sulla fine che fanno i beni confiscati alla criminalità, in particolare quelli appartenuti alla banda della Magliana.

Matteo Viviani indaga sulla leggenda metropolitana secondo cui gli zingari si servirebbero di un codice di simboli per contrassegnare le case da svaligiare e i momenti più opportuni per farlo. Questi segni conterrebbero indicazioni su chi sono le vittime più facili da colpire, sulla presenza eventuale di un cane in casa, sulle abitazioni più ricche, su quelle assolutamente da non svaligiare perché occupate da membri delle forze dell’ordine e molto altro. La Iena, per scoprire se si tratta di una leggenda o meno, decide di girare in un quartiere di Milano e analizzare i segni disegnati in prossimità dei citofoni di alcune abitazioni.

Enrico Lucci priva  per due settimane alcuni studenti volontari di una classe di quinta liceo  sia del cellulare sia di Facebook(modificandone la password dell’account). Un esperimento che, grazie al contributo di un audiologo e di uno psicologo, assume un’importante valenza scientifica per i dati raccolti al termine dei 14 giorni. Il risultato sorprendente è che tutti i giovani coinvolti hanno migliorato l’attenzione nello studio, oltre che raggiungere una maggiore serenità e capacità di concentrazione, diventando al contempo meno irritabili e meno ansiosi. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo