Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
 

Le imprese hanno paura, ma lavorano

19/10/2011  La Cassa integrazione realmente utilizzata è scesa al 43,4 per cento, otto punti in percentuale in meno dell’anno scorso

Supera di poco il 43% (esattamente il 43,4%) la percentuale delle ore di Cassa integrazione (Cig) effettivamente utilizzate in rapporto al numero delle ore autorizzate nei primi 7 mesi del 2011. Il cosiddetto “tiraggio” della Cig, ovvero il rapporto tra le ore utilizzate e quelle autorizzate, conferma con i dati di luglio 2011 l’andamento fin qui registrato nel corso dell’anno. L’uso più consistente delle ore autorizzate  è come sempre quello per la Cassa integrazione ordinaria (49,4%), mentre l’utilizzo reale delle ore autorizzate per la Cassa integrazione straordinaria e in deroga è pari al 41,6%. Secondo il presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua: «Con il passare dei mesi il dato del tiraggio evidenzia con sempre maggiore certezza la sostanziale stabilità dell’uso delle ore di Cassa integrazione, che si attesta in una percentuale decisamente al di sotto del 50% delle ore autorizzate. Questo dimostra che le aziende sono ancora in qualche modo preoccupate per la crisi economica; anche se proprio lo scarso utilizzo della Cig richiesta segnala una discreta vitalità del sistema produttivo». Il tiraggio dei primi sette mesi del 2011 è sensibilmente inferiore a quello del 2010: per la Cassa integrazione ordinaria è passato dal 57,8% del 2010 al 49,4% del 2011; per la Cassa integrazione straordinaria e in deroga è passato dal 48,9% (2010) al 41,6% di quest’anno; per una media complessiva che è scesa dal 51,4% del 2010 al 43,4% del 2011.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo