Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
Un dolore nascosto
 

«Mio zio mi ha molestata da bambina, il silenzio è durato una vita. Ma ora...»

04/08/2017 

Da bambina sono stata vittima di molestie da parte di mio zio. Non ne ho mai parlato con nessuno. Il mese scorso questo zio è morto e io al funerale ho sperimentato due sensazioni molto differenti: da una parte mi sentivo come liberata. Poi però ho cominciato a provare un senso di soffocamento intorno alla gola. Non sono riuscita a rimanere in chiesa durante il funerale e ho dovuto andare fuori. In queste settimane di tanto in tanto mi capita di ripensare ad alcuni episodi legati alle molestie dello zio e mi viene una grande voglia di piangere. Fino a oggi non ero mai riuscita a dire a nessuno ciò che mi è successo. Guardando i miei figli provo spesso tanta paura: e se quello che è successo a me capitasse anche a loro?

NADA

Cara Nada, quella che hai vissuto nella tua infanzia è un’esperienza traumatica. Una delle più brutte che può capitare a un bambino, perché rappresenta un attentato verso il bisogno di sicurezza e protezione su cui si basa la possibilità di sopravvivenza di ogni minore. Quello che ti è capitato al funerale dello zio abusante è strettamente correlato all’esperienza traumatica di cui sei stata vittima da bambina e che in qualche modo lascia ancora dentro di te alcune tracce.

Ecco cosa hanno ben scritto Antonio Onofri e Cecilia Larosa nel loro nuovo saggio Trauma, abuso e violenza. Andare oltre il dolore (San Paolo Ed.) di cui ti consiglio la lettura: «Quando possiamo dire che un ricordo traumatico è davvero risolto, superato? Sostanzialmente quando diventa un ricordo come gli altri. Spiacevole, sgradevole, triste o doloroso che sia, ma comunque non più in grado, qui e ora, di produrre delle reazioni come se l’evento si stesse verificando nel momento presente e non si trattasse, invece, di una memoria che riguarda ormai qualcosa che appartiene solo al passato, quindi definitivamente concluso».

Ciò che ti ha costretto a uscire dalla chiesa durante il funerale dello zio è la prova che il tuo trauma non è un ricordo come tutti gli altri che hai. Che, purtroppo, in parte è ancora vivo e attivo dentro di te. Probabilmente il fatto che tu non ne abbia mai voluto parlare con nessuno è parte del problema. Forse ti può essere utile farlo con qualcuno che ti vuole bene e di cui ti fidi. Anche un percorso con un terapeuta potrebbe esserti di grande aiuto. Ti accorgerai che superare un trauma ed elaborarlo non solo ti aiuterà a provare meno dolore nel qui e ora, ma anche a guardare con più tranquillità e serenità i tuoi figli, evitando di proiettare su di loro alcune ansie e paure di cui tu stessa – per prima – non sei riuscita a liberarti. Un abbraccio forte, nella certezza che anche tu saprai andare... “oltre il dolore” e rielaborare questa grande sofferenza di cui sei stata ingiustamente vittima.

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo