Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
 

Imprenditoria donna a 5 stelle

14/12/2012  Ad Alba il premio GammaDonna 2012 a cinque donne che hanno saputo valorizzare le loro imprese in ambito agroalimentare

Quando si pensa al mondo dell’imprenditoria, lo si ritiene ancora oggi esclusivamente legato, o quasi, agli uomini. Eppure, donne imprenditrici di successo in Italia non ne  mancano, anzi. Lo conferma il premio GammaDonna 10 e lode, giunto alla quinta edizione.

Nato nel 2004 nell’ambito del Salone nazionale dell’imprenditoria femminile e giovanile, GammaDonna si è posto come obiettivo la “valorizzazione della capacità imprenditoriale femminile come espressione di creatività e innovazione”. Quest’anno, al Centro di ricerche Ferrero di Alba, in provincia di Cuneo, sede del premio, sono state premiate cinque donne che nel loro campo hanno svettato per impegno e risultati. Il premio di quest’anno era dedicato al mondo agroalimentare, un settore significativo per l’economia italiana, nel quale le donne occupano una posizione di crescente rilievo e che ha raccolto oltre 50 candidature da tutta Italia.

Destinatarie del riconoscimento le imprenditrici della filiera che, nel periodo compreso fra il 1° gennaio 2002 e il 31 dicembre 2009, “abbiano fondato un’impresa innovativa o vi abbiano introdotto innovazioni di prodotto o di processo determinanti ai fini dei risultati economici”.

Le cinque vincitrici del 2012 sono Carla Ceriotti, della Riseria Ceriotti di Novara; Francesca Nadalini, dell’azienda ortofrutticola Nadalini di Sermine (Mantova); Maria Cristina Oddero, di Poderi e cantine Oddero di La Morra (Cuneo); Paola Polce, della cooperativa agricola Le Erbe di Brillor di Alice Superiore (Torino) e Chiara Soldati, de La Scolca di Gavi (Alessandria).

La giuria ha anche deciso di conferire un premio speciale e due menzioni a persone ed enti che hanno contribuito a riaffermare i valori del “fare impresa” che l’associazione intende promuovere per il rilancio competitivo del Paese. Il premio speciale per l’imprenditoria sociale è andato a Maura Biancotto, presidente del consiglio d’amministrazione di Albergo, agenzia di Pollenzo; la menzione speciale Donne eroiche nell’agricoltura a Elena Bazzini, allevatrice; la menzione d’onore a Coldiretti Piemonte per il Progetto Agritata. Le imprenditrici hanno ricevuto come ricordo una spilla forgiata a mano da un artigiano orafo, raffigurante l’ape operosa, simbolo di GammaDonna.

La giuria era composta da Ferruccio Dardanello, presidente nazionale Unioncamere; Caterina Fioritti, presidente dell’Associazione nazionale donne nel turismo; Piercarlo Grimaldi, rettore dell’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo (Cuneo); Francesca Lavazza, direttore corporate image del Gruppo Lavazza; Josè Rallo, titolare azienda vitivinicola Donnafugata; Laura Vescovo, responsabile ricerche e sondaggi di Intesa Sanpaolo.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo