logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 
dossier
 

Le preghiere per i defunti

26/07/2012 

Le Messe in suffragio dei defunti che valore hanno per la loro anima? E cosa dire delle Messe perpetue? È meglio farne celebrare una ogni tanto in parrocchia dove partecipano i parenti?

Silvana G. e Tino G.

Le domande si riferiscono all’intercessione per i morti e a costumi a essa collegati. Ecco alcuni elementi per impostare la questione: l’amore di Dio che in Cristo «vuole che tutti gli uomini siano salvati» (1Tm 2,4), partecipi cioè della vita eterna di Gesù il risorto; la Chiesa come comunione dei santi, cioè l’insieme degli amati chiamati ad amare come Dio in Cristo, un amore che è volontà di salvezza per tutti; la preghiera di intercessione degli uni per gli altri e per il tutto umano-cosmico come segno di tale cura reciproca; la celebrazione eucaristica come evento manifestativo dell’amore del Padre che in Cristo convoca la Chiesa celeste e terrestre, e in esse il tutto, una convocazione in cui i vivi di qua e i vivi di là pregano insieme ringraziando insieme in Cristo il Dio della vita, intercedendo poi gli uni per gli altri. Alla luce di questo vanno intesi certi costumi in uso: tariffe, numero di Messe di suffragio, tempi. Ogni domenica nella Messa accanto al ricordo di tutti i defunti possiamo fare memoria di uomini e donne particolari invocando su di essi l’intenzione di Dio, che tutti siano salvi per grazia di Dio in tempi e modi noti a Dio.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo