Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
NEKNOMINATION
 

Le risposte intelligenti alla neknomination

17/03/2014  In poco più di un mese partendo dall'Australia è arrivata anche da noi la Neknomination, la folle gara tra adolescenti a chi beve più alcool.Tragiche le conseguenze ma bisogna segnalare anche le risposte di chi invita a non seguire questa stupida sfida.

Uno dei primi a rompere la catena dello sballo on line è stato Carlo Alberto, studente universitario di Torino. Uno delle migliaia di nominati di quel gioco assurdo che ancora spopola sul web mietendo vittime tra giovani e adolescenti, dall’ Australia all’Europa passando per gli Stati Uniti. La chiamano Neknomination, da neck, collo. Il collo della bottiglia, naturalmente. Chi è nominato deve mettersi davanti alla webcam entro 24 ore e mandare giù litri di alcool, birra o peggio, il più velocemente possibile. Una sfida che a volte si risolve con coma etilico o azioni di follia incosciente.

La moda virale è dilagata anche tra i nostri liceali, ma per fortuna ormai sono in tanti a dire basta. Lo studente di Torino, per esempio, si è messo davanti alla telecamera, ha ringraziato per essere stato nominato e si è bevuto una bella aranciata. Altri hanno risposto con altrettanta ironia bevendo tè o tisane o dicendo semplicemente grazie.

Ci si è messo anche Diego, un ragazzo ventinovenne di Cento, in provincia di Bologna, che ha raccolto la sfida trasformandola in un gioco virtuoso. Così è nata la Booknomination, che nelle ultime settimane sta raccogliendo proseliti anche oltreoceano. Le regole rimangono le stesse, solo che chi è nominato, anziché scolarsi una birra, deve mettersi davanti alla webcam e leggere un passo del suo libro preferito, per poi postare il video e nominare a sua volta altre tre persone. Il buon esempio è stato contagioso. C’è chi ha risposto recitando una poesia, chi si è improvvisato rapper, chi ha scelto Il mago di Oz e chi Dostoevsckij.

Scoprirsi attori ha appagato la brama di apparire che sembra ossessionare la società di oggi, senza risparmiare le nuove generazioni, ma ha creato anche una comunicazione altrettanto virale e alternativa. Non a caso si stanno moltiplicando su facebook i video della Raknomination, la versione in chiave solidaristica della sfida. Questa volta chi è nominato deve darsi da fare e filmarsi mentre compie una buona azione a vantaggio dei più sfortunati. Una ragazza si è filmata mentre porta il suo bottino di libri e riviste ai bambini ricoverati in ospedale, altri mentre fanno la spesa o cucinano per i senzatetto. Chi è nominato deve sempre fare qualcosa di meglio e di più. Sono ammesse varianti. Come gli ultimi video postati sul web con esempi di buona condotta stradale.

 E la sfida continua.

Multimedia
Meno alcol, più vita
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo