logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
 

La sofferenza fa diventare più forti

09/05/2011  Uno studio americano rivela che i traumi ci attrezzano per affrontare i momenti difficili. Perché le avversità spingono a cercare soluzioni. E trovarle aumenta la fiducia in sé stessi.

Secondo un’autorevole tradizione di ricerca in campo psicologico e neurologico, il fatto di essere stati sottoposti a forti traumi e sofferenze, come, per esempio, una malattia grave, la morte di una persona cara, un abuso, una violenza o una serie di difficoltà economiche, comporta il rischio di veder segnata in modo irreversibile la propria esistenza. Oltre che diventare potenziali vittime di stress, ansia e depressione, anche a distanza di molti anni.

Tuttavia, uno studio realizzato da un gruppo di psicologi dell’Università di Buffalo (Stati Uniti), e pubblicato recentemente sulla rivista scientifica Journal of Personality and Social Psychology, pone in seria discussione le teorie elaborate fino a oggi. Infatti, intervistando periodicamente per tre anni i circa 2.400 soggetti del campione coinvolto nella ricerca, si è preso atto che se da un lato, in accordo con gli studi precedenti, gli eventi traumatici aumentano i livelli di ansia e di stress, e sono associati a una minore soddisfazione generale, dall’altro, entro un certo limite, gli episodi traumatici rendono più forti e meglio attrezzati per affrontare i momenti difficili.

Lo studio in questione mostra che le prove più difficili della vita possono temprare il carattere e determinare una crescita personale. Ciò si verifica perché le avversità spingono a cercare delle soluzioni, e il fatto di trovarle promuove la fiducia in sé stessi. Risulta difficile, però, stabilire una soglia entro la quale questi eventi rafforzano il carattere, perché questa dipende dalle caratteristiche personali, dallo stile di vita e dall’età.

Federica Mormando, psichiatra e psicoterapeuta, aggiunge, infine, che anche «l’addestramento alle difficoltà e alle ingiustizie fin da piccoli rende assai più forti e capaci di gioia dell’iperpotezione! Quanto ai traumi, se rafforzino dipende dal rapporto fra essi e la struttura di personalità, dall’avere o no un gruppo solidale, e dai mezzi economici. Bimbi, anziani soli, persone già fragili difficilmente hanno forza sufficiente a trarne vantaggi».

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo