logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
Reliquie
 

Le spoglie mortali di san Pio tornano nel vecchio santuario, ecco perché

16/10/2017  Dal 26 novembre prossimo al 18 marzo le spoglie mortali del Santo lasciano il nuovo Santuario progettato da Renzo Piano e saranno spostate nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Rotondo dove sono state custodite per 42 anni. I frati cappuccini: «Veniamo incontro alle richieste dei fedeli»

In vista della stagione invernale la reliquia del corpo di san Pio tornerà nel vecchio Santuario di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Rotondo, sul Gargano, per facilitare l'accesso ai pellegrini anche in caso di cattive condizioni meteorologiche. Lo rende noto l'ufficio stampa dei Frati Minori Cappuccini in un comunicato in cui è precisato che la decisione è stata presa considerando le difficoltà evidenziate dai fedeli in questi ultimi anni, e in taluni casi l'impossibilità, di raggiungere in inverno il luogo dove attualmente è venerata la reliquia del santo, nella parte inferiore della nuova chiesa dedicata dal Santo di Pietrelcina e progettata da Renzo Piano.

La reliquia sarà trasferita nel vicino Santuario, dove Padre Pio ha celebrato Messa per tutta la sua vita e confessato migliaia di fedeli, nell'ultima domenica di novembre fino alla quinta di Quaresima. Pertanto, riferisce la nota, dal 26 novembre prossimo il corpo di san Pio sarà esposto alla pubblica venerazione, sempre all'interno di un'urna di vetro, nello luogo che lo ha custodito per 42 anni e sarà riportato nella chiesa inferiore a lui intitolata il 18 marzo 2018.

La decisione è stata presa in accordo con l'arcivescovo diocesano mons. Michele Castoro, il ministro provinciale frate Maurizio Placentino, ottenuto il dovuto nulla osta dalla Congregazione delle Cause dei Santi, i Frati Minori Cappuccini di San Giovanni Rotondo.

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo