logo san paolo
sabato 28 maggio 2022
 
 

Lega e Cinque Stelle, un voto di rottura

15/03/2018  Sondaggio dell'Istituto Demopolis sulle ragioni di chi ha scelto per i due movimenti che hanno vinto le elezioni. Con molte sorprese.

Un voto di rottura, che al Sud sfiora la maggioranza assoluta per il movimento di Beppe Grillo. L’Istituto Demopolis diretto da Pietro Vento ha analizzato le ragioni che hanno indotto gli italiani a votare il Movimento 5 Stelle e la Lega, le due forze politiche uscite vincitrici dalle Elezioni del 4 marzo. Le ragioni della scelta sono di rottura con il recente passato: al primo posto, per quasi i due terzi degli elettori di 5 Stelle e Lega, emerge l’auspicio di un Governo di svolta e di cambiamento per l’Italia. Il 58 per cento pone alle radici del proprio voto anche l’insoddisfazione rispetto alla crisi economica, all’occupazione e alla qualità dei servizi pubblici, soprattutto nel Mezzogiorno; il 43 per cento degli intervistati indica infine la richiesta di una maggiore attenzione ai temi della sicurezza. Quanto al reddito di cittadinanza, probabilmente è tra i desideri inconfessati di chi ha votato al Sud il movimento di grillo.

I vostri commenti
17

Stai visualizzando  dei 17 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo