logo san paolo
giovedì 11 agosto 2022
 
 

Carcere ai giornalisti? No, grazie

26/11/2012  Doveva servire a evitare il carcere per i giornalisti, la "Salva Sallusti" è diventata una norma che salva i responsabili di un giornale e manda in galera i suoi redattori.

Cari Lettori,

noi giornalisti della Periodici San Paolo abbiamo deciso di aderire alla mobilitazione indetta da oggi, 26 novembre, dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana (Fnsi) contro la legge-bavaglio che, prevedendo il carcere per i giornalisti e multe fino a 50 mila euro per i direttori di testata, mina alla base il nostro diritto/dovere di informare e il diritto di essere informati dei cittadini, come previsto dalla nostra Costituzione. Pertanto facciamo nostra la posizione della Fnsi espressa nel comunicato che riportiamo di seguito.
 

Mobilitazione dei giornalisti da lunedì 26 novembre, contro una legge punitiva
per l’informazione dei cittadini, di chiara impronta incostituzionale  


I giornalisti italiani hanno proclamato, a partire dal 26 novembre, la mobilitazione per protestare contro il progetto di legge sulla diffamazione, in discussione al Senato, che si va configurando come un disegno di aggressione a un’intera categoria professionale senza riparare eventuali lesioni della dignità e dell’onore delle persone per errori o orrori di stampa.

Si tratta di una protesta inevitabile dopo l’emendamento approvato oggi, in contrasto anche con il Governo che aveva opposto un suo no tecnico per l’incostituzionalità sostanziale di norme che modificano irritualmente il codice penale, le regole sulla stampa e non garantiscono equilibrio tra diritti costituzionalmente protetti: quello all’informazione indipendente e libera dovuta ai cittadini e la tutela della dignità delle persone. Con il carcere possibile solo per tutti i giornalisti italiani, alimentando differenze e disparità di attenzione, si crea un mostro giuridico che non risolve alcun problema di interesse pubblico. Di contro si realizza, con un atto di ingiustizia palese, una minaccia e una grave intimidazione che mortificano il giornalismo investigativo tutto, limitandone possibilità di ricerca e proposta di verità.

Per queste ragioni, per richiedere al Parlamento, in adesione piena ai principi costituzionali di convivenza, di bloccare questo disegno di legge insensata e brutale e perché sia riformata la legislazione sulla libertà dei cittadini e dei giornalisti, introducendo la rettifica documentata, vincolante e riparatrice, e il Giurì per la lealtà dell’informazione, i giornalisti sono chiamati alla mobilitazione a partire da lunedì 26 novembre.

Il Comitato di Redazione della Periodici San Paolo
Alberto Laggia
Luciano Scalettari
Annachiara Valle

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica

“La giornata dello sciopero differito, lunedì 26 novembre, dei giornalisti contro le inaccettabili proposte di legge che reintroducono il carcere per gli errori di stampa fatti dai cronisti, sarà l’occasione per una forma forte di protesta e mobilitazione. Dopo l’appello del Presidente del Senato a una riflessione sullo sciopero in questa fase del processo legislativo, e la dichiarata disponibilità della Federazione Editori per modalità condivise di protesta finalizzate a bloccare una pessima legge, lunedì ci sarà un impegno straordinario di tutto il mondo dell’informazione perché il Senato si fermi.

Al punto in cui è arrivata la proposta di legge è inemendabile. Tutta l’informazione italiana conferma e ribadirà ancora con più forza l’appello a tutti i senatori a recuperare la massima coerenza con l’ordinamento democratico della Repubblica, evitando di votare una legge ingiusta, iniqua, carica di elementi di rancore, inutile per la riparazione di danni da errori di stampa alla dignità dei cittadini; inefficace, infine, per evitare il carcere a un direttore condannato a 14 mesi. Al quale i proponenti, inizialmente, volevano evitare la galera. Il segnale della seconda carica dello Stato per le ragioni, per le proposte di tutti i giornalisti e per gli operatori dei media si trasformi in speculare riflessione dei membri del Senato.

Fnsi e Fieg stanno concordando un appello congiunto al Parlamento che verrà reso noto lunedì. La Federazione Nazionale della Stampa non ferma, perciò, la sua protesta. Proseguirà con molteplici azioni e iniziative, finché non sarà posto fine a un disegno che punisce il giornalismo investigativo, tutti i cronisti, tende a provocare l’oscuramento delle notizie scomode, propone solo propaganda e nessuna riparazione concreta ai cittadini eventualmente danneggiati nell’onore da errori di stampa. La giornata di lunedì renderà ancora più chiaro che tutto il mondo dell’informazione non si piega all’oscuramento delle verità, delle notizie di interesse pubblico, esaltando invece la funzione di controllo democratico dei poteri.

Nella stessa giornata, accanto a questo rinnovato e robusto impegno, si svolgerà a Roma un presidio, in Piazza del Pantheon dalle ore 19 alle 21, con fiaccole accese per indicare la luce contro ogni oscurantismo, per la dignità delle persone meno tutelate che non godono della ribalta dei riflettori, per indicare un impegno permanente per assicurare, con autonomia e responsabilità, il diritto a sapere, conoscere e affermare il pluralismo dell’informazione. La manifestazione è aperta a associazioni e cittadini. Analoghe iniziative si svolgeranno in diverse città d’Italia, dove le Associazioni Regionali di Stampa e i comitati di redazione avvieranno specifiche forme di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini.

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana conferma, comunque, che lo sciopero della categoria è solo differito. Sarà attuato immediatamente se tutti le azioni che via via hanno trovato nuove e importanti adesioni non dovessero trovare risposte appropriate nella sede istituzionale.

La storia del disegno di legge sulla diffamazione in discussione in Senato, meglio nota come legge Salva Sallusti, ha davvero dell’incredibile ed è forse il colpo di coda più avvelenato della casta che siede tra i banchi del Parlamento. La Federazione degli editori e quella dei giornalisti, per una delle poche volte unite in un appello congiunto,  la definiscono "una pessima legge che introduce norme assurde”. Una legge che sembra carica di rancore, fatta da un Parlamento di pasticcioni, che si propone di salvare i giornalisti dal carcere (l’Italia è l’unico Paese al mondo, a parte i regimi tirannici e liberticidi a prevedere questa barbarie) e che si ritrova col salvare solo i direttori, peraltro mettendoli contro i giornalisti, che invece in galera ci vanno eccome.


Ma come è possibile che si sia arrivati a tutto questo? Basta ricostruire quel che è accaduto in Parlamento. Come è noto, tutto nasce per salvare dal carcere il direttore del “Giornale”, Alessandro Sallusti, condannato a 14 mesi per un articolo scritto da un suo giornalista mascherato dietro uno pseudonimo al tempo in cui era direttore di Libero. Il proposito è sacrosanto. Come detto, solo nei Paesi dove è abolita la libertà di pensiero i giornalisti vanno in galera (quando non vengono ammazzati). In Italia ci sono solo due casi nella storia. Uno è Giovannino Guareschi (che aveva insistito nell’accusare De Gasperi), l’altro è Lino Jannuzzi (graziato dal presidente della Repubblica). E così il Parlamento cerca di porre rimedio. 

Il tempo stringe, perché ci sono poche settimane per salvare il direttore del Giornale dalla detenzione. Anche i mass media si schierano contro il carcere. “Spero che all’Italia venga risparmiata una simile ignominia”, commenta tra l’altro il direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli. I senatori Gasparri e Chiti firmano una proposta di legge molto semplice, composta da tre articoli con una relazione introduttiva che recita più o meno così: “Sallusti è stato condannato. Siccome la Corte europea di Strasburgo prescrive che il carcere per i giornalisti non si deve mai applicare, bisogna eliminare il carcere per tutti i giornalisti”. 

Ma si sa, i parlamentari vogliono partecipare all'elaborazione delle proposte di legge. I tre articoli si tirano dietro in commissione trecento emendamenti e il progetto si incarta in un mare di lacci, lacciuoli, precisazioni, diatribe giuridiche, commi e cavilli. I tre articoli diventano un papello incoerente e confuso.  E a un certo punto ricompare persino il carcere. Lo propone l’ineffabile Lega Nord. In base a non si sa quale finalità, ecco che torna la galera per diffamazione aggravata, punibile fino a un anno di reclusione. Oltre alla Lega, aderiscono all’emendamento anche il Pdl e l’Api di Rutelli non si capisce in base a quali misteriose ragioni. A quel punto se il papello venisse approvato Sallusti andrebbe inevitabilmente in galera. E così i parlamentari si mettono di nuovo al lavoro, come degli apprendisti stregoni del diritto, per evitare quest'eventualità. La legge assomiglia sempre più a uno di quei mobili venuti storti che i falegnami di second'ordine cercano di raddrizzare con chiodi e colpi di martello (da cui il detto "roba da chiodi").

Spunta infatti un altro emendamento: prevede la multa e non il carcere per il direttore che concorre nel reato di diffamazione aggravata. E il giornalista? Se lo dimenticano. Per lui il carcere rimane. Con la nuova legge tutte le volte che un giornalista diffama qualcuno gravemente, si vede comminata la pena alternativa della multa o della reclusione (decide il giudice a seconda della gravità del fatto). Invece il direttore responsabile ha soltanto una multa e mai la reclusione. Anche se concorre col giornalista nel reato. Persino se lo scrive a quattro mani con lui. Paga sempre una multa, non andrà mai in carcere. Snaturando la natura del direttore responsabile, che diventa meno responsabile del suo giornalista. 

Tutto questo in deroga all’articolo 3 della Costituzione ("tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge) e dell’articolo 110 del Codice penale (“tutti i concorrenti dello stesso reato sono soggetti alla stessa pena”). Insomma, si parte per togliere il carcere ai giornalisti e si arriva al traguardo levando il carcere solo ai direttori. Giungendo al caso limite di un direttore che ordina un pezzo a un suo giornalista, viene condannato insieme a lui per omesso controllo, riceve la stessa pena perché magari lo ha addirittura scritto a quatro mani insieme con lui e concorre al reato, ma la scampa con una multa. A differenza del suo redattore che invece finisce in manette, come uno spacciatore o un ladro d'appartamento.

Molti parlamentari sostengono che l’eventualità che un giornalista vada in carcere con questa legge è molto, molto remota. “E invece non è vero”, spiega l’avvocato Caterina Malavenda, docente di diritto dell’informazione e tra i massimi esperti della materia. “E’ un’eventualità possibile se si realizza la diffamazione aggravata a mezzo stampa attraverso l’attribuzione di un fatto determinato (per diffamare gravemente, recita la legge, serve una circostanza specifica narrata nell'articolo). Se si viene querelati con questa contestazione, si rischia o la multa o la reclusione fino a un anno (decide sempre il giudice) con sospensione condizionale della pena. La prima volta però. Se se ne commette un’altra sei mesi dopo, la sospensione condizionale viene revocata e le due pene si cumulano. Quando si sono superati i due anni di cumulo delle pene, anche a distanza di anni l'una dall'altra, bisogna espiarli. Fino a tre anni si va in affidamento in prova, oltre i tre anni si va in carcere". 

Per un giornalista la diffamazione è un rischio "professionale", è sempre possibile (pensiamo ai cronisti giudiziari, ma non solo). In trent’anni di carriera – oppure se si scrive un libro molto delicato giudiziariamente -  può accadere benissimo di accumulare più di una condanna e di superare i due anni. E quindi di finire in carcere.

Ecco perché editori e giornalisti si augurano che questa legge assurda, fatta male e liberticida venga cambiata in corsa al Senato. Non si tratta di spirito di consorteria, ma di libertà di stampa. Quella che distingue tra una democrazia e un regime liberticida e dispotico.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo