logo san paolo
domenica 05 dicembre 2021
 
dossier
 

Legge su unioni civili, la Cei: «Forzatura ideologica»

27/03/2015  Il segretario generale della Cei critica il disegno di legge Cirinnà perché, dice, «vuole fare una forzatura ideologica, ridurre realtà oggettivamente diverse ad una. E sul gender: «Servono docenti capaci di dare risposte razionali e non ideologiche». Il cardinale Bagnasco indicato dai vescovi come referente per la commissione per la tutela dei minori voluta da papa Francesco

Sarà difficile che possa esserci un "gender day". Perché gli strumenti che i vescovi italiani stanno mettendo in campo per «dar voce anche alla preoccupazione di moltissimi genitori, e non solo, per la dilagante colonizzazione da parte della cosiddetta teoria del “gender”», per dirla con le parole del cardinale Angelo Bagnasco, sono soprattutto culturali.

«La semplificazione non aiuta e finisce per far affrontare temi disperatamente seri e complessi in maniera ideologica », ha dichiarato monsignor Nunzio Galantino, segretario della Cei alla conferenza stampa conclusiva dei lavori del Consiglio permanente. «L’atteggiamento con il quale la Chiesa si pone è quello di formare le persone». E si chiede se «è proprio attraverso la mobilitazione che si risolve il problema o non lo si risolve, invece, avendo docenti e persone capaci di rispondere a certi problemi non in maniera ideologica, ma con la testa, in modo razionale. Noi siamo impegnati, e non da oggi, su questo tema».

Un tema che il Consiglio permanente, svoltosi a Roma dal 23 al 25 marzo, ha affrontato insieme a quello della formazione del clero, della ripartizione dell’8 per mille, del prossimo Convegno Ecclesiale nazionale che si svolgerà a Firenze.

Senza dimenticare problemi altrettanto complessi, come la vicinanza ai cristiani perseguitati, il tema del lavoro «da affrontare con gli occhi e il cuore delle famiglie e dei singoli che affrontano il problema», quello degli abusi. Su quest’ultimo tema il “parlamentino” della Cei ha nominato il cardinale Bagnasco come membro referente della Pontificia commissione per la tutela dei minori e ha stabilito che, sull’esempio di quella vaticana, sia istituita una analoga commissione anche in seno all’episcopato italiano. «Nessun’altra istituzione ha fatto e sta facendo quello che abbiamo fatto noi per sradicare questo fenomeno», ha insistito monsignor Galantino. Ricordando, come aveva già fatto in altre occasioni, che una grande attenzione dovrebbe essere posta, per esempio, sui tour operator che portano i viaggiatori a fare turismo sessuale.

E sul disegno di legge Cirinnà in discussione al Senato sulle unioni gay monsignor Galantino taglia corto: «Il testo base è una forzatura ideologica perché vuole ridurre realtà oggettivamente diverse ad una».

Con la verve che lo caratterizza, il segretario della Cei, ha parlato anche del Sinodo sulla famiglia sottolineando che il tema principale non è quello sulla comunione ai divorziati «anche se, meno male che al Sinodo si può parlare di tutto». Ma, come emerge anche dalle risposte ai Lineamenta, che il Consiglio ha esaminato in questo giorni, «è soprattutto la bellezza del fare famiglia che va riscoperta. La famiglia come fattore di felicità che dà qualità alla vita».

Infine il segretario della Cei ha precisato, in accordo con la Sala stampa vaticana che il Papa si recherà il 10 novembre a Prato e a Firenze. Un viaggio di un solo giorno che partirà da Prato, a 30 anni dall'analoga visita di Giovani Paolo II. «Una visita alla comunità ecclesiale e alla città, alla realtà concreta dove vivono 123 nazionalità diverse. Una porta di ingresso al Convegno ecclesiale di Firenze che ha per tema "In Cristo Gesù un nuovo umanesimo".  Un incontro con la realtà perché incombe sulla Chiesa la responsabilità di andare incontro a un umanesimo negato, ferito, per avviarlo verso una sua chiarezza, verso una umanità riuscita»

I vostri commenti
41

Stai visualizzando  dei 41 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo