Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Il sondaggio
 

L’elezione diretta del premier? Agli italiani interessa molto di più la riforma del fisco.

28/06/2023  Quali riforme sono prioritarie per l’Italia? Secondo l’ultimo sondaggio di Demopolis, Il 66% dei cittadini cita la riforma del fisco, il 61% la Giustizia, pensando prevalentemente alla riduzione dei tempi dei procedimenti civili, il 56% vorrebbe un intervento di innovazione per un miglior funzionamento della Pubblica Amministrazione. Solo 3 italiani su 10 ritengono oggi urgente una riforma istituzionale che guardi al Presidenzialismo o al Premierato. Ecco i dati.

Qual è per gli italiani la riforma prioritaria da realizzare nel nostro Paese? Diciamolo subito: non certo quella dell’elezione diretta del premier. Il 66% dei cittadini indica la riforma del fisco, il 61% la Giustizia, pensando prevalentemente alla riduzione dei tempi dei procedimenti civili, il 56% chiede un intervento di innovazione per un miglior funzionamento della Pubblica Amministrazione. Il 38% ritiene, invece, non rimandabile la legge elettorale.

   Ben lontane, nelle priorità degli italiani, sono quindi altre riforme al centro, invece, dell’agenda politica: 3 italiani su 10 ritengono oggi prioritaria una riforma istituzionale che guardi al Presidenzialismo o al Premierato. Solo il 19% cita l’Autonomia differenziata, tanto necessaria per la Lega. Insomma i temi economici e le preoccupazioni per l’inflazione restano dominanti nei pensieri dei cittadini. E' quanto emerge dal nuovo sondaggio realizzato dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento.

   Il 75% dei cittadini, considerando le dinamiche delle più recenti Elezioni Politiche dal 2018 in poi, esprime un’opinione negativa sull’attuale legge elettorale, bocciando senza appello il Rosatellum, che è visto positivamente da poco più di un intervistato su 10. 

   Chiamata invece ad esprimere un giudizio sull’ipotesi di riforma istituzionale in discussione, l’opinione pubblica si divide. Il 48% si dichiara favorevole all’elezione diretta del Premier da parte dei cittadini; il 37% esprime invece la propria contrarietà. Si tratta di valutazioni in evoluzione, che si sono fortemente polarizzate nelle ultime settimane. 

   La propensione al Premierato vede – nell’analisi Demopolis – una netta divergenza d’opinione in base alla collocazione politica degli italiani: favorevoli 7 elettori su 10 di Centro Destra, ma appena un quarto tra quanti votano invece per il Centro Sinistra. 

   L’Istituto ha anche analizzato pregi e difetti dell’elezione diretta del Presidente del Consiglio nella percezione dell’opinione pubblica. Di positivo ci sarebbe per il 52% la possibilità di scegliere direttamente chi guiderà il Paese, per il 40% una maggiore stabilità e governabilità per 5 anni, che ridurrebbe i giochi di partito degli ultimi anni. 

   Ma significativi sono anche i timori sugli eventuali effetti della riforma: il 51%, la maggioranza assoluta degli italiani, teme il rischio di concentrazione del potere nelle mani del Presidente del Consiglio. Quasi 4 su 10 rilevano un possibile incentivo all’autoritarismo; il 35% degli italiani, intervistati da Demopolis per il programma Otto e Mezzo, valuta infine negativamente l’eventuale riduzione dei poteri del Parlamento e del Presidente della Repubblica che deriverebbe dal Premierato. 

Nota informativa: l'indagine è stata effettuata dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, il 21 e 22 giugno 2023 su un campione nazionale di 2.000 intervistati, statisticamente rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per aree geografiche di residenza, genere e fascia di età. Supervisione della rilevazione demoscopica di Marco E. Tabacchi. Coordinamento di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Approfondimenti e metodologia su: www.demopolis.it

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo