Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
La lettera
 

«Caro Angelo invisibile, grazie per avermi aiutato»

14/11/2016  Abbiamo intervistato in esclusiva nel numero di Famiglia Cristiana in edicola l'ignoto benefattore che da più di dieci anni paga debiti, affitti, cure mediche, rette scolastiche a persone in difficoltà. Una di queste, un ferroviere, si è fatto vivo con lui per raccontargli di come la sua vita e quella dei suoi cari sia cambiata grazie alla sua generosità.

Ahmed, il ragazzo che con una matita riproduce oggetti e persone come fossero fotografie. Grazie all'Angelo invisibile ora studia all'Accademia delle Belle Arti.
Ahmed, il ragazzo che con una matita riproduce oggetti e persone come fossero fotografie. Grazie all'Angelo invisibile ora studia all'Accademia delle Belle Arti.

«Buongiorno. E' inevitabile che il trascorrere del tempo porti tutti noi ad allentare i legami con le vicende del passato. Io di lei non potrei mai dimenticarmi. Lei è stato un dono piovuto dal cielo e che ha avviato a soluzione molti dei miei problemi». Inizia così la lettera che un ferroviere ha inviato all'"Angelo invisibile", l'ignoto benefattore di cui si sa solo che è un facoltoso ex banchiere che anni fa gli ha donato 20 mila euro senza condizioni per pagare i debiti che aveva accumulato per far studiare i figli.

Lo abbiamo incontrato e abbiamo raccontato la sua storia nel numero di Famiglia Cristiana in edicola. L'occasione è stata la pubblicazione di un suo romanzo Lettera ai figli sull'incertezza dedicato ai suoi figli che lo hanno deluso. Dopo aver dato loro tutto, infatti, lo hanno abbandonato quando ha scoperto di avere una grave malattia degenerativa che lo costringe all'immobilità per lunghi giorni. «Con questo libro vorrei far capire che il senso della vita non è nei vestiti griffati e nelle belle macchine». A dargli conforto, ci sono le tante testimonianze delle persone a cui ha fatto del bene e che, sempre in forma anonima, continua a seguire.

Ecco il seguito della lettera del ferroviere: «
Vorrei portare a sua conoscenza i risultati del mio tribolare ed anche del suo aiuto. Mio figlio è laureato magistrale in Scienze Statistiche. Dopo una dura gavetta adesso lavora, sempre come statistico nel settore della moda e si è sposato. Mia figlia dopo la laurea triennale in Economia aziendale, dopo vari contratti di sei mesi non è mai riuscita ad ottenere il contratto definitivo. Casualità ha voluto essere stata chiamata a sostituire una "educatrice" nell'assistere un disabile in una scuola materna. Ha scoperto una passione tale che ha lasciato il suo primo interesse, si è iscritta alla a Scienze dell'Educazione, alle dipendenze di una cooperativa esercita il compito di educatrice nelle scuole elementari e materne. Con la futura laurea spera di entrare a pieno titolo nella Scuola Statale.  Io? Sono felicemente in pensione. Le auguro ogni bene e voglio pensare che lei viva nelle migliori condizioni da lei desiderate. Distinti saluti».

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo