Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
La proposta
 

Lettera aperta del Telefono rosa al Governo per puntare sull'educazione come prevenzione della violenza di genere

09/06/2023  Il Telefono rosa Piemonte scrive ai ministri competenti perché si potenzi nelle scuole l'educazione di bambini e ragazzi su temi come la gentilezza, il diritto, le libertà individuali all’equilibrio sentimentale

LETTERA APERTA
 
Ill.mo Sig. Ministro dell’Istruzione e Merito – Giuseppe Valditara
Ill.ma Sig.ra Ministra dell’Università e della Ricerca – Anna Maria Bernini
Ill.ma Sig.ra Ministra della Famiglia e delle Pari Opportunità – Eugenia Roccella
Ill.mo Sig. Ministro dell’Interno – Matteo Piantedosi
Ill.mo Sig. Ministro della Giustizia – Carlo Nordio
 
 
Ill.me/i,
stiamo seguendo con viva partecipazione e attenzione l’evoluzione del dibattito interministeriale e parlamentare teso a promuovere azioni più incisive nel contrasto ai femminicidi e più in generale contro la violenza di genere.
È con grande senso di responsabilità che il Telefono Rosa Piemonte di Torino, come centro antiviolenza molto vicino alle realtà in questione, apprezzando comunque gli sforzi che vengono realizzati per la tutela delle cittadine offese dalla violenza, non può esimersi dal richiamare una visione prospettica diversa. Sono ormai condivise le radici storiche, culturali e sociali della violenza di genere: radici che solo in una dimensione culturale e sociale diversa possono consentire di modificare la storia di tali eventi.
Sono quindi i luoghi educativi quelli che dovrebbero promuovere la conoscenza e la pratica di sane relazioni tra i generi: non come materia a sé, ma come intervento strutturale e programmato. Dal gioco della prima infanzia alle conoscenze più approfondite delle scuole superiori, con interesse trasversale di discipline quali la lingua italiana, la storia, la filosofia, le scienze umane. Con uno sguardo alla gentilezza, al diritto, dalle libertà individuali all’equilibrio sentimentale. Con una formazione dei e delle docenti che davvero hanno un rapporto continuativo con bambine, bambini, ragazze e ragazzi. Il tutto con costo poco superiore allo zero.
Non è nostra intenzione incidere ulteriormente nei Vostri impegni: siamo però disponibili, se l’ipotesi venisse condivisa, a chiarire meglio il senso della proposta.
Porgiamo infiniti ringraziamenti e doverosi ossequi.
 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo