logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
 

Caro Maroni, da che pulpito

08/05/2013  Stupisce che sia proprio la Lega, il partito che sdoganò il dito medio, a dare lezioni di stile ad Ambrosoli, figlio dell'avvocato ucciso per ordine di Michele Sindona.

«Non è stato un gesto elegante nei confronti di un politico che ha segnato la storia d’Italia». Così Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, ha commentato pubblicamente la scelta di Umberto Ambrosoli che, al momento della commemorazione che la Regione Lombardia dedicava a Giulio Andreotti, è uscito dall’aula.

Un’uscita in punta di piedi quella di Ambrosoli, silenziosa, senza proclami. Non ce ne sarebbe stato bisogno: in molti ricordano quando Andreotti intervistato in Tv nel 2010  definì Giorgio Ambrosoli, - “l’eroe borghese” commissario liquidatore della Banca Privata italiana ucciso dalla mafia nel 1979, - «uno che in termini romaneschi se l’andava cercando».

Una spiegazione Umberto Ambrosoli l’ha data, dopo, con parole garbate
, ai microfoni che gli venivano incontro nei corridoi della Regione: «Ho una storia personale che si mischia, ma non è il caso di fare polemiche: è giusto che le istituzioni ricordino gli uomini delle istituzioni, ma le istituzioni sono fatte di persone che fanno i conti con la propria coscienza».

Per chi l’avesse dimenticato Umberto Ambrosoli è il figlio più piccolo di Giorgio, aveva sette anni quando il padre fu ucciso su mandato di Sindona. Chiunque abbia presente Umberto Ambrosoli, condivida o meno le sue idee,  sa che ha modi signorili, che non alza mai la voce, che si esprime sempre, anche nel dissenso, con parole misurate.

Se non ci fosse di mezzo una tragedia italiana
, con il suo corredo di dolore e di mistero, verrebbe quasi da ridere all’idea che a insegnargli la buona creanza (ammesso che sia questo il cuore del problema)  intervenga proprio un esponente del partito dei noti arbitri elegantiarum che hanno apportato alla politica tocchi di classe quali il dito medio, il cappio in Parlamento, l'eloquio non propriamente aulico dell'europarlamentare Mario Borghezio. Forse si tratta di intendersi sul concetto di eleganza. 

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo