Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
 

Liberalizzazioni: come incidono sull’Rc auto

08/03/2012  er un italiano su due questi provvedimenti non comporteranno un abbassamento dei prezzi

Il decreto legge sulle liberalizzazioni ha dirette e immediate conseguenze sulle nostre tasche. In pochi però ne sono consapevoli e in pochi pensano che la maggiore concorrenza imposta per legge possa effettivamente far abbassare i prezzi. Almeno per quanto riguarda le assicurazioni Rc auto. Lo dimostra una ricerca condotta da Facile.it, il sistema di comparazione delle polizze auto. Il 51% del campione intervistato ritiene, infatti, di non essere informato abbastanza sulle novità e addirittura il 35% ammette di non saperne nulla.


Gli automobilisti sono alle prese con i rincari delle tariffe e capire in cosa consista l’efficacia dei nuovi provvedimenti pare piuttosto difficile. Gli italiani sembrano comunque apprezzare maggiormente quelli che promettono una riduzione immediata dei costi, rispetto a quelli volti a ridurre le truffe (con conseguenze di lungo periodo sull’abbattimento delle tariffe). L’innovazione più gradita è la possibilità di installare una “scatola nera” che registri i dati dei sinistri, a fronte di uno sconto sul premio Rc auto: il 36% del campione ritiene che porterà i vantaggi maggiori. Segue, con il 28%, l’obbligo per gli assicuratori di presentare più preventivi a chi deve sottoscrivere la polizza, al fine di valutare offerte diverse. L’introduzione della scatola nera, già sperimentata nel resto d’Europa e proposta negli anni passati anche da alcune compagnie italiane come Direct Line, porterebbe a un maggior controllo sulla buona guida dell’assicurato, a un minor rischio per le compagnie e, di conseguenza, a prezzi più bassi. Unico problema sembra essere quello della privacy: se l’assicurato acconsente all’installazione di meccanismi elettronici che registrino l’attività del veicolo, accetta automaticamente che la sua vita in auto possa essere controllata. Ebbene, ben il 66% degli italiani è disposto a subire questa lesione pur di risparmiare. Solo per il 34% si tratta di un’intrusione immotivata che non si è disposti ad accettare. 

L’invito a rivolgersi a carrozzerie e meccanici autorizzati dalla compagnia assicuratrice è apprezzato dal 25% del campione, mentre il cambiamento meno gradito sembra essere l’abolizione del risarcimento per le microlesioni, come il celebre colpo di frusta, se non certificate da personale medico (solo per l’11% porterà dei vantaggi concreti e ridurrà le frodi alle compagnie).

In mancanza di informazioni, a prevalere è il pessimismo: solo il 9% del campione intervistato pensa che, grazie a queste novità, i prezzi dell’ RC auto scenderanno realmente. Molti di più gli scettici: per il 56% i costi scenderanno solo se le compagnie non troveranno altri modi per rincarare ugualmente i premi. Pessimista senza appello il 34% del campione censito, per cui questi interventi non serviranno a nulla.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo