logo san paolo
sabato 25 giugno 2022
 
 

Libia: l'Europa di destra ci scarica

25/02/2011 

Ancora qualche giorno e vedremo se la crisi della Libia produrrà davvero quell'esodo biblico che viene agitato come il più recente spauracchio dell'Italia e del'Europa. Un esodo i cui contorni crescono di giorno in giorno, come in un'ouverture di Verdi: qualche giorno fa si parlava di 300 mila persone, oggi siamo già a 2 milioni e mezzo, domani chissà.

      In ogni caso, i Paesi dell'Unione Europea ci hanno già avvisati: se l'ondata arriverà, dovremo arrangiargi. Dalla UE un po' di soldi, molti consigli e basta. I nostri politici e il Governo, ovviamente, protestano. I ministri (Maroni, Frattini, La Russa) se la prendono con l'Europa matrigna che ci lascia soli. Hanno ragione. Purtroppo, però, se la prendono con i famosi "burocrati" e dimenticano di specificare che la guida politica dell'Unione è da tempo in mano... a loro. Cioè alla nostra destra e ai partiti "fratelli" della destra - moderata o radicale - che governa in Italia.


      Facciamo due conti. Al Parlamento europeo, sui 726 seggi totali ben 265 sono del Partito popolare europeo (quello, per dire, in cui milita il PdL), altri 84 sono dell'Alleanza dei liberali e democratici per l'Europa (euroscettici), 55 dei Conservatori europei (anche loro euroscettici), 32 del Gruppo della Libertà e Democrazia (nazionalisti). Totale: 436, maggioranza assoluta.

  Andiamo avanti: il presidente della Commissione europea (cioè il governo dell'Unione) è il portoghese José Manuel Barroso, iscritto al Partito popolare europeo (quindi compagno di partito di Silvio Berlusconi). Il "ministro degli Esteri" della Commissione è lady Ashton, una conservatrice inglese. Il presidente del Consiglio d'Europa è Herman Van Rompuy, già primo ministro del Belgio. In che partito milita? Anche lui nel Ppe.

Succede, quindi, che sia proprio l'Europa di destra a scaricare brutalmente l'Italia governata dalla destra. Pare proprio che a Bruxelles, in quelle riunioni del Partito popolare europea, non si siano chiariti molto le idee su che cosa fare nei casi d'emergenza.

Questo, però, non ci può stupire molto. Da almeno dieci anni le destre europee si danno da fare per mettere paura ai cittadini. E ci sono riuscite benissimo. Il Vecchio Continente, ormai da tempo, vive di spauracchi: l'invasione islamica (i musulmani sono oggi meno del 5% della popolazione europea, ma che importa?), l'idraulico polacco, i rom, i romeni, l'immigrazione... Questioni reali ingigantite ad arte per facilitare l'arte del governo.

A furia di speculare sulla paura, i risultati non sono mancati. L'Europa è il continente con l'età media più alta e nel 2020, dicono i demografi, almeno un europeo su quattro (25%) avrà più di 65 anni. L'espressione Vecchio Continente non è più riferita alla storia ma al nostro futuro. La paura si è infiltrata in questa popolazione satolla e non più giovane, quindi timorosa di perdere i vantaggi acquisiti in una vita di lavoro. Se tedeschi, francesi, austriaci, inglesi ecc. ecc. hanno paura come noi, perché dovrebbero aiutarci?

      Inoltre: tutti i grandi Paesi d'Europa sono governati dalla destra, di ogni colore e tonalità. In Francia Sarkozy, in Germania la Merkel, in Gran Bretagna i conservatori di Cameron, in Italia Berlusconi. così pure nell'ex Europa dell'Est e in quella del Nord. Negli ultimi anni, inoltre, sono spuntati un po' dappertutto, in Europa, partiti e movimenti analoghi (e in qualche caso molto peggiori: in Austria e in Ungheria ce ne sono addidittura di filo-nazisti) alla nostra Lega Nord, anche e soprattutto nell'atteggiamento nei confronti dell'immigrazione extra-comunitaria. Va ricordato, peraltro, che la Lega Nord si batte da tempo, con il ministro Maroni in prima fila, per l'espulsione anche dei cittadini Ue che non risultano in regola. Quando Bossi e Maroni chiedono che anche gli altri si facciano carico di un'eventuale "esodo biblico" dalla Libia, in Germania, Francia, Gran Bretagna ecc. ecc. ci sono i Berlusconi, e ancor più i Bossi e Maroni locali, che rispondono: nemmeno per sogno.

Chi di Lega ferisce di Lega perisce, ecco tutto. D'altra parte, è stato il ministro Maroni a dare ai tunisini la patente di "rifugiati" ch'era stata prima negata a somali, eritrei, etiopi, sudanesi, affidati alle capaci mani di Gheddafi. Se ora arrivano 2 milioni e mezzo di libici, come dicono alcuni nostri ministri, li tratteremo tutti da rifugiati? O la crisi della Libia è meno grave di quella della Tunisia?

I vostri commenti
14

Stai visualizzando  dei 14 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo