Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
In Famiglia
 

Lo psicologo a scuola risolve i problemi?

06/07/2023  «Un altro caso di violenza nelle scuole: ma davvero uno psicologo in ogni scuola potrebbe risolvere i problemi degli adolescenti?» Leggi la risposta dello psicologo e psicoterapeuta Fabrizio Fantoni.

Un altro caso di violenza nelle scuole, il ragazzo di Abbiategrasso che ha ferito la sua insegnante. E dal ministro in giù, tutti a chiedere più psicologi nelle scuole. Eppure in quella scuola c’era uno sportello psicologico: basta guardare il sito dell’Istituto. Ho rispetto per la sua categoria, ma davvero uno psicologo in ogni scuola potrebbe risolvere i problemi degli adolescenti?

 

Caro Claudio, dico che sono in buona parte d’accordo con lei. Ho svolto per molti anni questo ruolo e riconosco il contributo prezioso di uno psicologo a scuola. Perché offre un primo ascolto alle difficoltà dei ragazzi gratuitamente e direttamente nel luogo che frequentano e la possibilità per loro di incontrare una figura competente e fuori dalle dinamiche emotive che li legano ai genitori e agli insegnanti. Ma ne conosco anche i limiti.

Non tutti gli adolescenti riescono a cogliere questa opportunità perché temono i giudizi dei compagni se vanno dallo psicologo durante le ore di scuola. Spesso poi, come nella scuola in questione, il numero di ore di sportello psicologico è insufficiente, e i servizi partono dopo alcuni mesi dall’inizio delle lezioni. Più in profondità, occorre mantenere un delicato equilibrio tra il segreto professionale nei confronti dei ragazzi e la costruzione della rete educativa attorno a loro, nella comunicazione con i docenti e con i genitori.

La presenza dello psicologo trova pienamente il suo significato se consente a genitori e insegnanti di capire più a fondo le dinamiche dei ragazzi nella scuola e di vivere meglio le relazioni con loro per aiutarli a crescere. Se diventa cioè il costruttore di alleanze educative tra gli adulti. È un’azione non facile, che richiede psicologi adeguatamente preparati, che sappiano essere contemporaneamente “dentro” alla scuola, cioè in relazione con il dirigente e i docenti, e “fuori” da essa, come figure esterne a cui i ragazzi possono rivolgersi.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo