Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
dossier
 

Lo sconcerto della diocesi

06/04/2014  La preoccupazione di chi conosce bene i due missionari rapiti e il loro lavoro in Camerun.

Monsignor Pizziol, vescovo di Vicenza.
Monsignor Pizziol, vescovo di Vicenza.

 In diocesi a Vicenza - come si può capire - la notizia, arrivata nel cuore della notte, ha reso tutti increduli. Ipotesi,  supposizioni, informazioni, si sono susseguite ma il vescovo Beniamino Pizziol, turbato e affranto,  ha preferito non rilasciare dichiarazioni a caldo, così come suggerito dalla Farnesina e dagli stessi don Maurizio Bolzon e don Leopoldo Rossi. La situazione è delicata. «Siamo sconvolte - dicono le suore della Divina Volontà, dalla casa madre di Bassano del Grappa - e siamo molto preoccupate».

Anche il direttore dell'Ufficio missionario, don Arrigo Grendele, preferisce non parlare. E' stanco. Sta rispondendo al telefono in continuazione da ieri notte. Così don Damiano Meda, rientrato dalla parrocchia di Tchéré solo un anno fa, e che, nonostante l'accaduto, vuole mantenere un ricordo positivo dell'Africa. A detta di tutti, è importante che i due sacerdoti e la suora canadese siano insieme. Insieme possono avere la forza e il coraggio per superare questo momento drammatico.


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo