logo san paolo
mercoledì 19 gennaio 2022
 
Ius Soli
 

Sciopero della fame per lo Ius Soli: «Né sfida, né protesta»

06/10/2017  Graziano Del Rio spiega il perché del digiuno a staffetta in appoggio all'approvazione della legge che dà la possibilità di ottenere la cittadinanza italiana a chi è nato in Italia e ha frequentato la scuola oppure a chi vi è entrato entro i 12 anni e ha seguito con profitto il percorso scolastico. Nel prossimo numero di Famiglia cristiana (il 42), in edicola dal prossimo giovedì e da domenica in parrocchia, un'ampia intervista al ministro.

“Il mio non è uno sciopero della fame di protesta e nemmeno una sfida”. Così, in un’intervista rilasciata al nostro settimanale, il ministro Graziano Delrio ha spiegato le ragioni della sua adesione allo sciopero della fame a staffetta a sostegno del ddl sullo  Ius soli promosso dalla “Rete insegnanti per la cittadinanza” e da diverse associazioni.  Si tratta di “un appello alle coscienze mite e pacifico per sostenere un diritto e anche per riportare serenità al dibattito”, ha aggiunto il ministro.  Dopo il rilancio dell’iniziativa da parte del senatore Luigi Manconi, nei giorni scorsi hanno annunciato la loro partecipazione anche una settantina di parlamentari che digiuneranno per un solo giorno, passandosi il testimone, secondo turni prestabiliti. 

Come noto il provvedimento di legge sullo Ius soli e lo Ius culturae, che ha già avuto il sì della Camera e che è attualmente fermo in Senato, cambia le regole per l’acquisizione della cittadinanza da parte dei figli degli immigrati. Attualmente secondo i dati forniti dal Miur la questione della cittadinanza riguarderebbe circa 800.000 minori stranieri che, secondo le regole attuali, potranno ottenerla  solo a 18 anni a patto di dichiarare entro un anno dalla maggiore età di volerla acquisire e a condizione di aver risieduto nel nostro paese fino a quel momento “legalmente e ininterrottamente”. Con le nuove regole previste nel ddl invece, i figli di immigrati potrebbero diventare cittadini italiani con lo “ius soli temperato” o con lo “ius culturae”. Nel primo caso saranno italiani per nascita i bambini stranieri nati in Italia a patto che almeno uno dei genitori sia in possesso di permesso di soggiorno Ue di lungo periodo e risulti residente legalmente in Italia da almeno cinque anni.

Inoltre, tramite lo Ius culturae, sempre se la legge sarà approvata, potranno ottenere la cittadinanza anche i minori entrati in Italia entro il dodicesimo anno di età che abbiano “frequentato regolarmente per almeno cinque anni uno o più cicli presso istituti scolastici del sistema nazionale, o percorsi di istruzione e formazione professionale triennali o quadriennali”. La frequenza del corso di istruzione primaria deve essere coronata dalla promozione. I ragazzi arrivati in Italia tra i 12 e i 18 anni, poi, potranno avere la cittadinanza dopo aver risieduto legalmente in Italia per almeno sei anni e aver frequentato “un ciclo scolastico, con il conseguimento del titolo conclusivo”.
“Stiamo solo cercando di dare loro l’opportunità di sentirsi italiani un po’ prima. Qualche anno prima, niente di più”, ha spiegato nella nostra intervista il ministro Delrio, ricordando come, con questo provvedimento, l’Italia si adeguerebbe alla legislazione della maggior parte degli altri paesi europei.

I vostri commenti
29

Stai visualizzando  dei 29 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo