logo san paolo
giovedì 01 ottobre 2020
 
 

Rimpasto: lo stop di Napolitano

07/05/2011  Cosa si muove sullo sfondo della nota del capo dello Stato che indica la verifica del Parlamento sulla nomina dei nuovi sottosegretari.

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

L’altolà a sorpresa del presidente della Repubblica alla nomina di nove nuovi sottosegretari del Governo Berlusconi ha reso ormai conclamata una vicenda che stava passando tutto sommato nell’indifferenza dell’opinione pubblica italiana, attirata da altre vicende internazionali (l’eliminazione di Bin Laden, la guerra in Libia).

Ma quello tra Berlusconi e Napolitano è un attrito tra poteri istituzionali gravissimo, di altissima intensità. Il Quirinale chiede addirittura una verifica in aula della tenuta della maggioranza. Napolitano, nella sua breve e dirompente nota, ricorda con distacco che “il presidente della Repubblica ha proceduto alla firma dei decreti di nomina di nove sottosegretari di Stato, la cui scelta rientra come è noto nella esclusiva responsabilità del presidente del Consiglio dei ministri”. I presidenti di Camera e Senato hanno annunciato la verifica dopo le elezioni amministrative.

Tutto si è svolto a norma di legge. Ma, applicando il suo ruolo di “dissuasione morale” Napolitano ricorda anche che alcuni dei nuovi membri del Governo appartenevano, non molto tempo fa, all’opposizione e quindi chiede una verifica parlamentare. Ve ne sono due che hanno addirittura votato la sfiducia a Berlusconi. Probabilmente Napolitano è preoccupato dal fatto che il Cavaliere ha “in pectore” altre dieci nomine di sottosegretario. Un conflitto istituzionale. L’ennesimo, tra chi ha dimostrato in numerosi casi indifferenza per i vincoli costituzionali e chi è salito al Colle per portare avanti il ruolo di garante della Costituzione. Senza dimenticare che il presidente della Repubblica è anche il presidente dell’organo di autogoverno dei giudici, con i quali, come è noto, il Cavaliere ha qualche problema.

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%